Ultim'ora

Il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ha emanato un'ordinanza con la quale estende di 4 ore l'orario giornaliero di accensione degli impianti di riscaldamento. Per dieci giorni a partire da oggi il riscaldamento negli edifici potrà restare acceso per 18 ore al massimo (rispetto alle 14 ore precedenti). Restano invariate invece le temperature consentite: - 16°C + 2C° di tolleranza per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali ed assimilabili; - 18°C+ 2àC di tolleranza per tutti gli altri edifici.

Sole e gelo in Veneto, con punte delle temperature minime in montagna che hanno toccato -23,6 gradi ai 1.768 metri d'altitudine di Dolina Campoluzzo, sull'Altopiano di Asiago, -12,2 a Cortina e -15,6 ad Asiago. A Belluno, secondo i dati registrati dalle centraline del centro meteo, la minima è stata di -11 gradi. In pianura, dove le minime sono tutte sottto lo zero e sotto la media stagionale, si passa dai -8 gradi di Vicenza e Treviso ai -7 di Rovigo, ai -6 di Padova, ai -5 di Venezia e e ai -3 di Verona. Le previsioni indicano un arrivo della nuvolosità, accompagnata da lievi precipitazioni nevose o pioggia, dal pomeriggio di domani.

La Direzione Sanitaria dell’Azienda ULSS 2 Marca Trevigiana comunica che è ricoverata presso l’Ospedale San Valentino di Montebelluna una paziente che si è rivelata - in seguito agli esami di laboratorio - affetta da meningite da pneumococco. La paziente, anziana, si trova attualmente in Terapia intensiva. L’Azienda fa presente che la meningite da pneumococco si presenta con casi isolati durante tutto l’anno, prevalentemente in inverno-primavera. A differenza di altri tipi di meningite non dà origine a focolai epidemici e perciò non richiede interventi di profilassi antibiotica sui familiari e i contatti stretti.

Nei prossimi giorni, il Veneto sarà interessato da una situazione meteorologica che ha indotto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione a emettere lo Stato di Attenzione per vento forte su tutto il territorio. L’allerta è valida dalla mezzanotte di oggi alle 8.00 di venerdì 6 gennaio. In particolare, sono previsti venti forti in quota, con fasi di rinforzo nelle valli per Foehn e a tratti anche in pianura.

Sono 15.240 i veneti che hanno trascorso in compagnia dell'influenza la settimana di Natale. Il virus, dalla sua comparsa, ha finora messo a letto 54.700 persone, con un'incidenza di 31 casi per diecimila assistiti, pari a meno della metà di quella nazionale, fissata a 72,3 casi per diecimila. Il dato emerge dall'ultimo Rapporto Epidemiologico del Sistema di Sorveglianza dell'Influenza, redatto dalla Direzione Prevenzione della Regione Veneto e diffuso oggi dall'Assessore alla sanità Luca Coletto.

"L'alta pressione si sta indebolendo sotto la spinta di un fronte freddo lungo quasi 3000 km in discesa dall'Europa settentrionale verso l'Italia. I primi effetti - come affermano i meteorologi di Meteo.it - si avvertiranno già nelle prossime ore: il sistema perturbato verrà infatti anticipato da correnti umide di Libeccio che causeranno un primo peggioramento del tempo sulle regioni tirreniche e sull'alto Adriatico con un aumento diffuso della copertura nuvolosa e le prime locali deboli piogge. Nelle giornata di venerdì (Epifania) e sabato probabile picco del gelo e rischio neve non solo sui settori interni, ma anche lungo le coste del medio Adriatico, al Sud e nel nord della Sicilia.

Una ragazza trevigiana di 13 anni è rimasta ferita gravemente in un incidente sugli sci stamane, sulle piste della Tofana, a Cortina d'Ampezzo. La giovane stava scendendo assieme al padre quando ha perso il controllo degli sci, finendo contro un albero oltre il bordo pista. E' stata subito soccorsa dalla polizia in servizio nelle aree sciistiche, poi sono giunti i sanitari del 118 con l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore. La 13enne è stata trasportata all'ospedale di Belluno, ricoverata con riserva di prognosi per i traumi subiti nella caduta. Non è comunque in pericolo di vita. 

Veneto Banca ha venduto il jet privato Learjet 60 Xr, di proprietà dell'istituto di Montebelluna e acquistato negli 'anni ruggenti' della gestione dell'ex amministratore delegato Vincenzo Consoli. La dismissione, si legge in una nota della banca, rientra nella linea politica di rigoroso controllo dei costi, coerentemente con il nuovo corso improntato alla sobrietà.

Scatta da domani l'ordinanza che vieta, fino al 7 gennaio,  l'utilizzo dei botti su tutto il territorio comunale. Un'iniziativa che ha come obiettivi di evitare il peggioramento della qualità dell'aria e di tutelare i soggetti più deboli, le persone anziane, ma anche gli animali che agli scoppi reagiscono con evidenti reazioni di spavento. La sanzione amministrativa prevista va da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro. 

Il giorno di Natale, presso la Comunità della Casa del Clero, è morto don Angelo Martinato, già parroco di Istrana. Le esequie, presiedute dal Vescovo Gianfranco Agostino Gardin, saranno celebrate a Istrana, giovedì 29 dicembre alle ore 15.

“Siamo tutti con Aleppo”: un nuovo appello per una “immediata fine del conflitto, per la protezione delle vite dei civili e la possibilità che gli aiuti umanitari raggiungano tutte le persone in difficoltà” è stato lanciato oggi da Caritas internationalis, insieme ad una campagna per la pace in Siria in occasione del Natale. La Caritas è preoccupata per la situazione di circa 250mila civili intrappolati ad Aleppo ora che il governo siriano ha ripreso il controllo della città. “È il momento per negoziazioni politiche per porre fine alla guerra”, afferma Caritas internationalis.

“Chi ha svolto l’indagine credo abbia lavorato su dati non più attuali e sia stato perciò  indotto a trarre delle conclusioni errate e a redigere una classifica che, per quanto riguarda la linea ferroviaria Treviso-Portogruaro, non è veritiera”. Commenta, non senza amarezza, l’assessore ai trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti, il rapporto “Pendolaria 2016” stilato da Legambiente sulla qualità delle linee ferroviarie italiane, che relega la Treviso-Portogruaro tra le peggiori a livello nazionale. “Sono dispiaciuta – prosegue De Berti – perché, pur nella consapevolezza che alcuni problemi permangono, notevoli miglioramenti sono stati apportati al servizio e ritengo ingenerosa, anche per l’ottimo lavoro che abbiamo svolto insieme ai comitati dei pendolari, una descrizione così catastrofista.

Il taxi di Cuor di Natale piace. Lo confermano i numeri del weekend dell’Immacolata che ha visto un aumento importante degli utilizzatori della navetta gratuita a nove posti che dal Mercato Ortofrutticolo porta  a Piazza Duomo. Nei quattro giorni, dall’8 all’11 dicembre gli utilizzatori sono stati 250. Il servizio è in funzione tutti i sabati e le domeniche di dicembre dalle ore 15.00 alle 20.00.  Per accedere al servizio è sufficiente comporre il numero del radiotaxi 348- 7473027.

Oltre sessanta dosi di marijuana pronte allo spaccio nascoste sotto ai cespugli dei giardinetti della stazione. A scoprirle la polizia locale di Treviso intervenuta nel pomeriggio di ieri nell’ambito dei quotidiani controlli in città. Gli agenti del nucleo di polizia giudiziaria, aiutati dal fiuto del cane Trixie, hanno passato a tappeto l’intera area e hanno ritrovato il quantitativo di droga che è stata posta così sotto sequestro. Gli agenti stanno ora visionando le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza per individuare lo spacciatore.
“Prima di tutto un ringraziamento ai nostri uomini – dichiara il vicesindaco e assessore alla sicurezza del Comune di Treviso Roberto Grigoletto - La presenza della PL ben visibile ha un doppio effetto: quello di reprimere comportamenti illegali, ma anche di prevenire condotte scorrette”.

Matteo Renzi, dopo il suo intervento nella direzione del Pd è al Quirinale, dove alle 19 rassegna le dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica. "Toccherà ai gruppi parlamentari decidere che cosa fare. Vorranno andare subito a elezioni? Nel caso si dovrà attendere la Sentenza della Consulta di martedì 24 gennaio e poi votare con le attuali leggi elettorali, come modificate dalla Corte". Lo scrive il premier nella sua Enews. "Se i gruppi vorranno invece andare avanti con questa legislatura, dovranno indicare la propria disponibilità a sostenere un nuovo Governo che affronti la legge elettorale ma soprattutto un 2017 molto importante a livello internazionale".

“In Italia mancano leader”, e la “priorità” del nuovo governo deve essere la cultura. Lo ha detto monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, interpellato dai giornalisti a margine della presentazione del suo nuovo libro, “Quelli che non si accontentano” in corso questo pomeriggio all’Istituto Sturzo di Roma. “Non posso che essere d’accordo”, ha commentato a proposito dell’affermazione del Papa, contenuta nell’intervista al settimanale cattolico belga “Tertio”, per cui l’Europa ha bisogno di leader.

È andato alla veneta Antonella Candiago, ventenne di Santa Giustina (Belluno), il primo premio del concorso fotografico "Immaginare un'Europa senza frontiere", organizzato dal gruppo dei socialisti (Pes) al Comitato europeo delle Regioni (CdR). La giovane si è aggiudicata il concorso grazie a un'immagine semplice ma esplicativa: un bambino che tenta di scavalcare un muro grazie all'aiuto di una pila di libri.

Questa notte, presso il Santuario Nostra Signora della Rocca in Cornuda, è morto don Giovanni Tasinazzo, Rettore del Santuario e Canonico onorario del Capitolo della Collegiata di Asolo. Le esequie, presiedute dal Vescovo Gianfranco Agostino Gardin, saranno celebrate a San Zenone degli Ezzelini, venerdì 9 dicembre alle ore 15.

Sarà ispirato al tema dei rifugiati e alla tragedia umana che si sta consumando nel Mediterraneo il Presepe di sabbia che sarà inaugurata come da tradizione domani a Jesolo, nella giornata dell'Immacolata. La sacra famiglia di Nazareth assumerà quest'anno le sembianze di una famiglia di migranti. Non mancherà un omaggio a Lampedusa, isola portatrice di pace.

"C'è una legge della Regione che rende la vaccinazione una libera scelta, ma una circolare dice che laddove si scenda sotto l'85% si devono vaccinare i bimbi fino a raggiungere la quota minima del 90%. Neanche la peggiore Democrazia Cristiana cerchiobottista avrebbe potuto partorire una tale assurdità" lo dice Laura Puppato, in merito alla mancata norma che doveva rendere obbligatori i vaccini. "Immaginiamo un asilo in cui si verifichi il caso, come faremo a identificare i bimbi che si devono vaccinare rispetto a quelli che potranno non farlo? Tireremo a sorte? Decideremo per quelli con gli occhi chiari? Coi capelli scuri? E se i genitori giustamente rifiutano d'essere identificati come quelli obbligati alla vaccinazione? - si chiede la senatrice - non si può guidare una regione così e pure pretendere di avere maggiori autonomia".

Gli anziani come risorsa, e non solo come problema. In particolarein una regione come il Veneto, dove l’aspettativa di vita media sfiora ormai i 90 anni e dove, entro il 2030, un quarto della popolazione avrà più di 65 anni e ci saranno 200 anziani ogni 100 giovani. Invertire la prospettiva e valorizzare l’apporto sociale e comunitario della terza e della quarta età è l’obiettivo dell’iniziativa legislativa assunta dalla Giunta regionale “Promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo”: approvato dall’esecutivo veneto, su proposta dell’assessore al sociale Manuela Lanzarin, il disegno di legge sta per arrivare sui banchi del Consiglio regionale.

La piena del Po determinata dall’ondata di maltempo che ha devastato il Nordovest, e che sta scendendo verso il mare, ha spinto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione Veneto ad emettere lo Stato di Preallarme per criticità sulle rete idraulica principale relativamente al bacino idrografico Po-Fissero-Tartaro-Canalbianco-Basso Adige, valevole dalle 14 di oggi alle 14 di mercoledì 30 novembre. La decisione è stata assunta anche alla luce “di alcune situazioni di criticità arginale e golenale rilevate in data odierna”.

Con 72mila visitatori (oltre +10% rispetto alla scorsa edizione) si è chiusa oggi la 26a edizione di JOB&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, che per tre giornate in Fiera a Verona ha messo al centro il tema “Imparare lavorando: in Italia si può”. Promosso da VeronaFiere e Regione del Veneto, in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, il Salone ha visto in rassegna oltre 500 realtà, tra scuole, enti di formazione, accademie e università (oltre 90), istituzioni, imprese, centri per l’impiego e agenzie di servizi per il lavoro, associazioni di categoria,…; più di 350 relatori intervenuti nei 200 appuntamenti in calendario, tra convegni, dibattiti e workshop.

Un ordigno rudimentale è stato fatto esplodere nelle prime ore di stamane vicino a un centro commerciale a Vittorio Veneto. L'ordigno, definito dal sindaco, Roberto Tonon, "artigianale ma insidioso", ha provocato soltanto lievi danni materiali. Tre giorni fa quattro bottiglie incendiarie erano state lanciate contro la sede del Comune. Il sindaco ha chiesto "al Prefetto di Treviso l'urgente convocazione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza democratica, e chiedo che la sessione straordinaria si svolga in Città per significare la vicinanza delle istituzioni a Vittorio Veneto, insidiata da una torbida operazione sovversiva, e insieme la determinazione che le forze di polizia dispiegheranno nella ricerca dei colpevoli e nel contrasto ai loro disegni".
   

E’ stato reso noto il testo del telegramma di cordoglio di Papa Francesco per la morte dell’ex Presidente dei Consigli di Stato e di Governo della Repubblica di Cuba, Fidel Castro. Ecco le parole del Papa, indirizzate a Raul Castro, fratello del defunto leader e attuale presidente a Cuba: “Nell’apprendere la triste notizia della scomparsa del suo caro fratello, l’eccellentissimo signor Fidel Alejandro Castro Ruz, ex presidente del consiglio di Stato e del governo della Repubblica di Cuba esprimo i miei sentimenti di dolore a vostra eccellenza e agli altri famigliari del defunto dignitario, nonché al governo e al popolo di quella amata nazione. Nello stesso tempo offro preghiere al Signore per il suo riposo e affido tutto il popolo cubano alla materna intercessione di Nostra Signora de la Caridad del Cobre, patrona del Paese”.

a Regione del Veneto e le Organizzazioni sindacali del comparto sanità hanno siglato poco fà un Protocollo d'intesa in materia di personale del Servizio Sanitario Regionale alla luce della riforma della sanità veneta approvata il 25 ottobre scorso (legge regionale nr. 19).  Tra i punti dell'accordo c'è l'impegno reciproco a garantire l'efficacia dei contratti integrativi, gli accordi e regolamenti oggetto di relazioni sindacali delle Ullss soppresse, indicativamente fino al 30 giugno e comunque non oltre il 30 settembre 2017; a promuovere l'adozione da parte delle Aziende Sanitarie di piani triennali di razionalizzazione della spesa con la possibilità di utilizzare il 50% dei risparmi ottenuti per misure di incentivazione del personale; a definire, prima dell'avvio di eventuali processi di riorganizzazione, dei criteri generali per l'applicazione dell'istituto della mobilità interna ed esterna; a proseguire il monitoraggio rispetto ai "valori minimi di riferimento per il comparto" con particolare attenzione alle situazioni di evidente sottodotazione di personale.

E' pronto per l'inaugurazione un nuovo reparto maternità in Afghanistan realizzato da Emergency nel nome di Valeria Solesin, la studentessa veneziana uccisa nell'attentato terroristico al 'Bataclan' di Parigi, che collaborava con l'organizzazione umanitaria. Lo ha annunciato oggi a Venezia la presidente, Cecilia Strada. "Siamo pronti - ha detto - per tagliare il nastro il prossimo 8 dicembre alla nuova maternità nella valle del Panshir, in Afghanistan, che sarà dedicata a Valeria Solesin". Il nuovo reparto ospedaliero potrà contare su 70 posti letto per le mamme, oltre alle strutture di neonatologia e terapia intensiva, fungendo da punto di riferimento, nei casi più complicati, anche per gli ospedali pubblici. Vi lavoreranno, oltre al personale internazionale di Emergency, anche 60 donne afghane.

Vista la situazione meteorologica attesa sul territorio regionale, preso atto dell’avviso di criticità idrogeologica e idraulica emesso oggi alle ore 14:00, il Centro Funzionale Decentrato della Regione del Veneto, al fine di garantire un monitoraggio costante della situazione e la massima prontezza operativa del Sistema di Protezione Civile, dichiara, dalla mezzanotte di oggi alle ore 8:00 di domenica 27 novembre 2016: lo “stato di attenzione” per possibili situazioni di criticità idraulica e criticità idrogeologica nel bacino Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone (da riconfigurare, a livello locale, in preallarme o allarme a seconda dell’intensità dei fenomeni). Queste le previsioni meteo dell’Arpav: dalla serata di giovedì 24 novembre possibili prime modeste precipitazioni. Tra venerdì 25 e la mattinata di sabato 26 novembre precipitazioni diffuse, specie sulle zone centro settentrionali, localmente a carattere di rovescio o occasionale temporale (più probabile da venerdì pomeriggio/sera). Quantitativi anche consistenti su Prealpi, pedemontana e pianura centro settentrionale, localmente abbondanti su Prealpi e pedemontana. Limite della neve generalmente intorno a 2000-2200 mt., a tratti e localmente un po' più basso (1800-2000 mt.) specie da venerdì pomeriggio.

“Atti eversivi vili e deprecabili che minano la serenità della comunità vittoriese e trevigiana tutta e offendono le nostre Istituzioni democratiche - questo il commento di Giacomo Vendrame, Segretario generale CGIL Treviso, relativamente all’episodio criminale della scorsa notte al Municipio di Vittorio Veneto. “Ci auguriamo che chi si è macchiato di tale azione, compiuta in un giorno di festa per la città e la nostra provincia, sia identificato quanto prima dalle Forze dell’Ordine. Con questo gesto – afferma Giacomo Vendrame -, che manca di rispetto alle Istituzioni e inquina la libertà e la partecipazione democratica, si offendono la comunità vittoriese e trevigiana. 

Le forti piogge delle ultime ore hanno causato l'esondazione del fiume Tanaro, in provincia di Cuneo. A causa degli allagamenti, Anas ha chiuso al traffico la statale 28 del Colle di Nava, da Garessio fino al confine con la Liguria, in località Bagnasco, dove in via precauzionale è stato istituito il divieto di transito a tutti i veicoli in corrispondenza del fiume Tanaro.
    Il Tanaro, a Garessio, è esondato in via Vittorio Emanuele.
    Chiusi i ponti Odasso, Barjols e 'della Lepetit'. Chiuse anche via Aleramo, Sparvaira e via Nazionale a monte. Le cantine che si affacciano sul fiume sono allagate. Nella zona i torrenti che preoccupano sono Rio Parone, Luvia, e Pian Granone. Alle 10.30 è stata convocata in prefettura una riunione del Comitato di emergenza con la Protezione civile.