Ultim'ora

Quasi 2.600 persone sono rimaste uccise nel conflitto nell'est dell'Ucraina dallo scorso aprile. Lo denuncia l'Onu. "Almeno 2.593 persone sono morte tra metà aprile e il 27 agosto", rivela un rapporto della Nazioni Unite sottolineando che la "tendenza è allarmante".

''Dal Consiglio regionale prende oggi l'avvio una manovra politica che vede il Veneto capofila nazionale ed internazionale di una azione di pressione su Bruxelles, affinche' gli organismi europei valutino con maggiore attenzione gli effetti disastrosi sull'economia e sull'occupazione dell'attuale guerra delle sanzioni che vede contrapporsi Russia ed Europa''. Cosi' Clodovaldo Ruffato, presidente del Consiglio regionale del Veneto, sui lavori della commissione speciale per le relazioni internazionali, tenuta stamane e presieduta da Nereo Laroni. Alla seduta hanno partecipato i rappresentanti delle associazioni imprenditoriali dell'industria, dell'artigianato, del commercio e del mondo agricolo, i responsabili dei mercati ortofrutticoli di Padova e di Verona, i presidenti dei consorzi Grana Padano e Prosciutto San Daniele e dell'associazione dei produttori di latte. ''La presenza numerosa, qualificata e motivata dei rappresentanti del mondo produttivo e' stata il primo successo di questa nostra seduta straordinaria'', ha sottolineato Nereo Laroni, presidente della Commissione, ''a dimostrazione del fatto che la distanza tra politica e societa' civile e imprenditoriale puo' essere colmata facilmente quando ci si muove per obiettivi reali, su problematiche sentite e con effettiva rapidita'''. Maria Luisa Coppola, assessore all'Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione del Veneto, ha aggiunto a queste preoccupazioni una visione ulteriore di scenario futuro, perche' ''nell'attuale situazione di mancate esportazioni potrebbero inserirsi nuove nazioni e nuovi fornitori, ad occupare quegli spazi di mercato che tradizionalmente erano occupati dai prodotti veneti e italiani di qualita'''

Toccante momento oggi a margine dell'udienza generale di papa Francesco. Il Pontefice è apparso commosso incontrando l'ex ministro cristiano pachistano Paul Bhatti e sua madre, che lo ha invitato in Pakistan. Paul Bhatti tre anni fa ha perso il fratello Shahbaz, già ministro per le minoranze, ucciso dagli integralisti islamici dopo la sua difesa dei cristiani pachistani, che avevano subito attacchi e violenze, e della giovane Asia Bibi, condannata a morte per blasfemia.

Si apre ufficialmente stasera alle ore 21 la 71/a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è arrivato a Venezia nel pomeriggio e stasera parteciperà all'apertura della Mostra. Arrivato a Venezia anche il ministro per i Beni culturali Dario Franceschini. Madrina della manifestazione l'attrice Luisa Ranieri.

L'associazione 'Beati i costruttori di pace' di don Albino Bizzotto si mette a disposizione di Papa Francesco nel caso il Pontefice decidesse di incontrare le parti coinvolte nel conflitto in Iraq. "Prendiamo molto sul serio - dice una lettera aperta indirizzata al 'carissimo fratello Francesco' - la tua disponibilità ad entrare fisicamente nel conflitto iracheno per incontrare tutte le parti. Siamo sicuri che in molti saremmo disposti e felici di accompagnarti in una missione di pace".

Papa Francesco ha telefonato a John e Diane Foley, i genitori del giornalista James Foley decapitato dall'Isis. Il Pontefice, riferisce il sacerdote gesuita americano James Martin, ha raggiunto i Foley nella loro casa del New Hampshire. "La famiglia e' stata commossa e grata", riferisce su Twitter padre Martin che ha appreso della telefonata da una fonte Vaticana e che e' stato autorizzato a diffondere la notizia. James Foley, al pari dei suoi genitori, era profondamente cattolico.

''Nella legge di Stabilita' ci saranno anche i tagli. Pero' esiste anche una questione redistributiva''. Lo afferma, in un'intervista al quotidiano 'La Stampa, il sottosegretario all'Economia, Pier Paolo Baretta, spiegando: ''C'e' da riformare il sistema degli ammortizzatori sociali, vorremmo introdurre, anche se con delle penalita', una maggiore flessibilita' per chi vuole andare in pensione anticipatamente. Come finanziamo tutti questi interventi?''. ''Faccio un esempio - dice Baretta - : le sembra giusto che i pensionati abbiano la no tax area fino a 7.500 euro l'anno e gli altri redditi a 8.000? Negli ultimi anni c'e' chi ha pagato molto e chi ha pagato meno''. Circa l'ipotesi di intervenire sulle pensioni piu' alte, il sottosegretario afferma di trovare ''singolare, in un Paese con disparita' cosi' evidenti, che non si possa nemmeno discuterne'' e ricorda che quando si parla di una pensione netta di 3.500 euro almese ''siamo gia' nel novero dei redditi piu' alti che medi''. Baretta parla anche di un'altra ipotesi, quella che il governo intervenga sul sistema delle detrazioni: non ''possiamo immaginare che le detrazioni sui mutui, per le spese veterinarie o le palestre possano essere ancora concesse a tutti a prescindere dal reddito''

Ancora maltempo a Nordest, con fuga dei vacanzieri dalle spiagge e dalla montagna. Un nubifragio ha colpito nella notte Lignano, con 80 millimetri d'acqua caduti in poche ore, 20 cm lungo le strade di Pineta. In difficolta' soprattutto i camping. Ben 60 gli interventi dei vigili del fuoco e della protezione civile. Forti precipitazioni si erano verificate nelle ore precedenti anche a Jesolo. Gli albergatori stanno registrando disdette e interruzioni di soggiorno, a causa pure delle temperature che si sono abbassate. Problema, quest'ultimo, presente soprattutto in montagna. Poche le adesioni, a Lignano, alla campagna per gli sconti ai turisti delle giornate di brutto tempo

Intervento di Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli, in merito all’informativa dei ministri degli Esteri e della Difesa alle relative Commissioni parlamentari

In riferimento alla situazione meteorologica attesa, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha dichiarato lo STATO DI ATTENZIONE per rischio idrogeologico su tutto il territorio regionale dalle ore 14 di martedì 19 agosto, fino alle ore 24 di giovedì 21 agosto. Lo stato di attenzione andrà riconfigurato, a livello locale, in STATO DI PREALLARME/ALLARME, in presenza di formazione di fenomeni temporaleschi a seconda della loro intensità

Entra in vigore da oggi, anche per residenti e commercianti, l’obbligatorietà dell’autocertificazione per circolare nella nuova area Ztl

Seconda medaglia d'oro per l'Italia ai Campionati Europei di Atletica leggera in corso a Zurigo. L'atleta pisano Daniele Meucci ha vinto la maratona maschile, arrivando da solo sul traguardo, sventolando il tricolore, dopo aver staccato nettamente tutti gli avversari.

Meucci ha vinto la maratona correndo in 2h.11'.08''. Al secondo posto il polacco Shegumo, che ha conquistato la medaglia d'argento (staccato di 52 secondi). Bronzo per il russo Reunkov giunto con 1:07 di ritardo.

Lacrime di gioia per Daniele Meucci, nuovo campione europeo della maratona, dopo l'arrivo trionfale al termine di una gara emozionante che lo ha vinto protagonista assoluto, lui che ha un passato di calciatore e poi di fondista e solo per la seconda volta si cimentava con la maratona, quindi senza quell'esperienza che a volte risulta fondamentale per correre la più faticosa delle gare di corsa. ''Non me l'aspettavo" dice l'atleta pisano che a ottobre compirà 29 anni ai microfoni Rai.
"Ho attaccato al momento giusto, ma gli ultimi dieci minuti di gara sono stati un'agonia. Ho pensato a mia moglie, ai bambini'' e qui scoppia in lacrime. Il campione poi continua il suo racconto della gara ''mi sono detto che dovevo farcela e ho tenuto duro. Ho corso seguendo l'istinto, a un certo momento ho deciso di attaccare, ho pensato che dovevo rischiare se volevo vincere. So che potevo scoppiare e finire sesto o settimo. Ma ci ho creduto, questa è la maratona. Sono felice, l'oro non l'avevo mai vinto. Secondi e terzi posti li avevo presi, ma mai l'oro. Vorrei lasciare il segno in questa disciplina come hanno fatto i miei compagni nel passato''.
Entusiasta per l'accoglienza del pubblico sul traguardo, moltissimi gli italiani presenti. L'anno scorso Meucci fu secondo alla Maratona di New York.

Nel periodo 2007-2013, dall'Italia sono emigrati all'estero in 620mila, quasi il doppio rispetto ai 7 anni precedenti. Solo nel 2013 hanno varcato i confini oltre 125mila adulti. Diversamente dal passato però, il nuovo boom di espatri è trainato da emigrati con i 'capelli grigi': negli anni della crisi l'incremento degli espatriati italiani con un'età tra 40 e 49 anni è stato pari al 79,2%. +51,2% nella fascia 50-64 anni. Emerge da una ricerca del Centro studi della Cna.

Due anziani sono morti finendo con la loro auto in un dirupo profondo almeno 20 metri a Roncà, nel veronese. Erano stati alcuni passanti a sentire dei lamenti provenienti dal vallone, situato a poca distanza da un agriturismo, e ad avvertire i vigili del fuoco. Particolarmente difficile il recupero dei corpi proprio a causa della zona impervia.
  

Il maltempo ha colpito il trevigiano, nel giorno di ferragosto, con una 'bomba d'acqua' e una forte grandinata. Un improvviso temporale ha scaricato nell'area di Treviso tantissima acqua intorno all'una, che ha portato a decine di interventi dei vigili del fuoco e alla temporanea parziale chiusura dello svincolo (in entrata) del casello di Treviso sud della A27 per la caduta di un albero. La viabilità è stata ripristinata dopo l'intervento dei pompieri. La grandine ha ricoperto come un tappeto il centro di Treviso; la grande quantità di pioggia ha allagato strade, piazze, sottopassi, pianterreni e scantinati di molte abitazioni. La grandinata ha colpito principalmente la zona tra Vedelago e Treviso. A Vedelago, in particolare, un albero è caduto sull'asilo di Fanzolo

E' allarme nelle campagne per l'arrivo di una nuova ondata di maltempo nel nord Italia dove e' gia' caduta quasi il triplo di pioggia nel mese di luglio, rispetto alla media. E' quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che l'estate pazza ha sconvolto i cicli vegetativi delle piante ma anche la vita degli animali. Se a preoccupare le coltivazioni di frutta e verdura e' l'arrivo della grandine che in questa fase stagionale provoca danni irrimediabili alle coltivazioni, con la pioggia e il freddo le condizioni - sottolinea la Coldiretti - sono proibitive per gli animali in alpeggio dove nelle vallate i temporali impediscono di fare fieno e le temperature rigide hanno ridotto la crescita dell'erba, riducendone la quantita' a disposizione delle mandrie. Vita dura anche per le api costrette a restare a terra e a rimetterci e' la produzione di miele che potrebbe subire un calo fino al 70 per cento nel nord e nel sud Italia mentre nel centro si parla di un taglio del 40 per cento. Se mucche e pecore non possono andare al pascolo grave e' anche la situazione sui terreni coltivati a pomodoro dove e' prevedibile un forte taglio dei raccolti ma - continua la Coldiretti - a preoccupare sono soprattutto i danni diretti causati alle colture e alle stesse strutture aziendali. Attesa anche per la vendemmia appena iniziata che dipendera' molto dalle condizioni che si verificheranno nei prossimi giorni, ma gia' adesso - precisa la Coldiretti - si conta un aumento dei costi di produzione per difendere viti e alberi da frutto.

Ai danni diretti sulle coltivazioni si sommano - continua la Coldiretti - quelli indiretti provocati dal calo di consumi dei prodotti stagionali come la frutta e verdura a causa delle condizioni climatiche non favorevoli. Unica nota positiva riguarda gli appassionati di funghi per i quali si prevede una stagione da record iniziata in anticipo e con ottimi riscontri negli oltre 10 milioni d boschi che ricoprono circa un terzo della superfice nazionale, dove - conclude la Coldiretti - si stima si realizzi una produzione di circa 30mila tonnellate. con un conto per l' agroalimentare ed il turismo che supera il miliardo di euro.

In riferimento alla situazione meteorologica attesa, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha dichiarato lo STATO DI PREALLARME per rischio idrogeologico su quasi tutto il Veneto, ad eccezione della parte centro – meridionale, dove è comunque STATO DI ATTENZIONE. Queste condizioni andranno riconfigurate, a livello locale, in STATO DI PREALLARME/ALLARME in presenza di formazione di fenomeni temporaleschi a seconda della loro intensità. La dichiarazione ha validità dalle 14 di oggi alle 24 di domani, mercoledì 13 agosto.

Nelle giornate di oggi e domani, mercoledì, il Veneto sarà interessato da condizioni di crescente instabilità, associate a correnti sud occidentali in quota, che culmineranno con il passaggio di un sistema frontale nel pomeriggio/sera di mercoledì 13, associato ad una saccatura con aria fredda in quota in spostamento da ovest verso est.

Nel pomeriggio/sera di oggi è previsto tempo da variabile a instabile, con precipitazioni da locali a sparse a prevalente carattere di rovescio e temporale. I fenomeni saranno più probabili sulle zone montane e pedemontane e sulla pianura settentrionale e nord orientale. Saranno possibili locali fenomeni intensi. Domani, mercoledì, possibili rovesci e temporali locali/sparsi già nella mattinata. Dalle ore centrali aumento della instabilità e della probabilità di precipitazioni, con rovesci e temporali anche diffusi e organizzati che interesseranno maggiormente le zone montane, pedemontane e la pianura centro settentrionale, in particolare quella nord orientale. Saranno probabili temporali anche intensi (forti rovesci, grandinate, forti raffiche di vento).

“I danni per il blocco delle esportazioni dei prodotti ortofrutticoli delle nostre imprese li paghi l’Unione Europea”. L’assessore all’agricoltura del Veneto Franco Manzato non ci sta a far ricadere sulle imprese gli effetti negativi di decisioni prese sulle loro teste, in una fase dove la crisi economica morde sempre più forte.

“La nostre aziende ortofrutticole – aggiunge – stanno pagando a caro prezzo l’embargo e il blocco delle esportazioni dei nostri prodotti. Stiamo parlando di frutta e verdura, merce reperibilissimi che non dura, non di tubi di ferro che possono aspettare. Non sono certo i produttori la causa di questa situazione che si ritorce contro di loro”.

“Scriverò una lettera al presidente del Consiglio Matteo Renzi per formalizzare questa posizione – annuncia Manzato – nella sua qualità di presidente del semestre europeo. E’ facile esibirsi in politica estera e nei grandi giochi mondiali, se poi a pagare sono sempre i segmenti economici più deboli”.

Un sottufficiale dell'Esercito italiano e' stato trovato morto all'alba a Shama, nella zona meridionale del Libano, all'interno della base militare che ospita il contingente italiano dei caschi blu delle Nazioni Unite. Lo riferisce in una nota il portavoce del contingente italiano. Il militare, originario della citta' friulana di Palmanova, prestava servizio in Italia presso il battaglione logistico Ariete di Maniago (Pordenone). Era in Libano dallo scorso mese di maggio e lavorava presso il Combat Service Support Battalion. Sono in corso gli accertamenti da parte delle autorita' preposte - conclude il comunicato - per stabilire la causa del decesso; i familiari sono stati avvisati dell'accaduto.

Carlo Tavecchio è il nuovo presidente della Federcalcio. E' stato eletto alla terza votazione con il 63,33 % delle preferenze. Nonostante le polemiche delle ultime settimane, dopo la battuta di Tavecchio sui giocatori extracomunitari che prima di arrivare in Italia "mangiavano banane", i pronostici sono quindi stati rispettati.

"Sarò il presidente di tutti soprattutto di quelli che hanno espresso il loro dissenso'': sono le prime parole di Carlo Tavecchio dopo l'elezione a presidente Figc: ''Cercherò di migliorare il mio modo un po' ruvido e poco glamour come qualcuno lo ha definito giustamente'', ha detto ringraziando tutti, in lacrime.

"Volevo essere un'alternativa diversa ma si è rivisto il corporativismo del patto delle Leghe. Il blocco è sempre difficile da scardinare. In bocca al lupo a Tavecchio, non sarà semplice sostituire Abete". Lo ha detto Demetrio Albertini, sconfitto da Carlo Tavecchio nella corsa alla presidenza della Federcalcio. Il neo presidente Figc, Carlo Tavecchio, dovrà ora cercare di unire le varie anime della federazione.

"Purtroppo non c'è stata la voglia di dare un cambio di marcia. Si conoscono chi sono gli elettori e gli sponsor del presidente federale. Purtroppo è fuori dalle nostre possibilità" ha detto il presidente dell'Assocalciatori, Damiano Tommasi, commentando l'elezione di Carlo Tavecchio alla presidenza della Figc, a scapito del candidato supportato dalle componenti tecniche Demetrio Albertini.

Ieri sera, alle ore 18, Papa Francesco ha ricevuto a Santa Marta il cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli e recentemente nominato inviato personale del Papa in Iraq, per dimostrare la sua vicinanza alle popolazioni e, in particolare, ai cristiani duramente colpiti dal conflitto in corso, estremamente bisognosi di sostegno e d’incoraggiamento. Il cardinale, riferisce Radio Vaticana, “ha informato il Papa sulla preparazione della sua missione e sulla sua imminente partenza”. Papa Francesco, informa sempre Radio Vaticana, “ha ribadito al cardinale i suoi sentimenti di fronte ai tragici eventi in corso - sentimenti già da lui più volte espressi pubblicamente in questi giorni - e gli ha dato le sue personali indicazioni per la missione, affidandogli anche una somma da impiegare per aiuti urgenti alle persone più colpite, come segno della concreta solidarietà del Papa e della sua partecipazione agli sforzi delle istituzioni e delle persone di buona volontà per rispondere alla drammatica situazione”.

Anche se qualche zona d'Italia ha continuato a vedere la pioggia, soprattutto le zone alpine e prealpine, tutto il resto del Paese si trova sotto il dominio di Polifemo: se continuera' a proteggere il Centro-Sud con tanto sole e caldo, la pressione tende a cedere vistosamente al Nord che nei prossimi giorni verra' raggiunto da nuovi temporali e locali veloci nubifragi. Secondo il portale ilmeteo.it oggi il tempo sara' in prevalenza poco nuvoloso, con afa al Nord, qualche pioggia sulle Alpi e bel tempo al Centro e al Sud; da martedi' il tempo peggiorera' gradualmente, prima sulle Alpi e Prealpi poi verso la pianura del Piemonte, le medio-alte pianure del resto del Nord con piogge e qualche temporale. Attenzione pero' a mercoledi': in questo giorno la pressione calera' ulteriormente al Nord lasciando spazio ad una perturbazione fortemente temporalesca che portera' grandinate e nubifragi sulle regioni settentrionali. E' finita l'estate? Antonio Sano', direttore e fondatore di ilmeteo.it, avvisa che questa diminuzione della pressione fara' peggiorare il tempo anche in Toscana e poi sulle regioni adriatiche con rovesci e temporali proprio tra il giorno di Ferragosto e sabato 16. Ma da domenica 17 nuovo aumento della pressione e bel tempo per tutti, anche sulle Alpi.

Prima apertura del Ministero del Lavoro alla richiesta giunta dalle associazioni dell’artigianato, del commercio e dai sindacati della provincia di Treviso che, giorni fa, avevano convocato  una conferenza stampa di denuncia del mancato rifinanziamento della cosiddetta “piccola mobilità”. Secondo quanto riferisce l’Onorevole Rostellato , presente all’incontro in sede di Commissione Lavoro della Camera, è stata approvata all’unanimità una risoluzione che impegna il Governo a trovare i fondi (35 milioni per il biennio 2013-2014) per coprire gli sgravi contributivi sulle assunzioni effettuate dalle imprese entro il 2012. La risoluzione, afferma l’Onorevole Rostellato, blocca le note di rettifica che l’Inps si preparava a inviare alle aziende entro il prossimo 15 settembre, chiedendo loro la restituzione degli incentivi utilizzati dalle aziende, pari a circa 2.200 euro per ogni assunzione effettuata che potrebbe comportare, per i 600 imprenditori trevigiani,  in un esborso complessivo di circa 1.500.000 euro.

“I jihadisti del califfato sono arrivati in forze ieri sera alle 11 e con gli altoparlanti hanno imposto alla popolazione di abbandonare le loro case così come erano. La gente è stata costretta a scappare in pigiama”. È la drammatica testimonianza all’Agenzia Fides di Suor Luigina delle Suore Caldee Figlie di Maria Immacolata sulla cacciata degli abitanti dei villaggi cristiani della valle di Ninive. “Qaraqosh, la più grande città cristiana dell’Iraq, e tutti i villaggi circostanti sono stati svuotati dei loro abitanti di fede cristiana. Persino il villaggio di Alqosh abitato da sempre solo da cristiani è stato abbandonato” dice la religiosa.
“Non abbiamo ancora cifre precise sul numero degli sfollati. Si tenga presente però che la valle di Ninive aveva accolto i cristiani cacciati da Mosul nelle ultime settimane e quelli che fin dal 2003 erano fuggiti da Baghdad” dice Suor Luigina. “Ora queste persone si trovano alla frontiera con il Kurdistan iracheno. Nelle ultime ore che le autorità locali hanno dato il permesso di farle entrare nel loro territorio dove sono accolte nelle parrocchie della zona. L’Arcivescovo di Erbil, capitale del Kurdistan iracheno, ha lanciato un appello per raccogliere coperte e generi di prima necessità”.

Giornata di dolore e preghiera domani a Pieve di Soligo dove nel pomeriggio, in Duomo, si svolgeranno i funerali delle quattro vittime a Refrontolo. I feretri giungeranno domani mattina nel Duomo. Il parroco, don Giuseppe Nadal, ha spiegato che in questo modo sarà la chiesa stessa a fungere da camera ardente fino alla cerimonia funebre che sarà officiata dal vescovo di Vittorio Veneto (Treviso), Corrado Pizziolo. Attese migliaia di persone, sono previsti maxi schermi.

Le rilevazioni dell'Istat certificano un nuovo calo: nei primi tre mesi la crescita era stata negativa per lo 0, 1%. Questa seconda flessione riporta l'Italia tecnicamente in recessione. Su base annua il pil fa segnare un - 0, 3%. "Il Pil italiano peggiore delle attese ritarda di nuovo la ripresa e avrà un impatto negativo sulle finanze, ma è troppo presto per fare valutazioni sul deficit", ha commentato il portavoce del commissario Ue all'economia che ha giudicato positivamente le dichiarazioni di Padoan sulla necessità di accelerare le riforme.

Un ragazzo di 16 anni, Michele Pandolfo, è morto oggi dopo essere stato sbalzato da un veicolo tipo quad che stava conducendo in una strada periferica di Pederobba. Secondo la ricostruzione della polizia stradale, dopo aver perso il contatto con il quad il giovane avrebbe prima impattato contro un muro, quindi è rimasto schiacciato dallo stesso mezzo. Il ragazzo è deceduto all'istante.

“L’accordo di oggi tra Eni e sindacati è rassicurante. Noi in ogni caso teniamo alta la guardia e vigileremo perché i contenuti dell’accordo sulla Chimica a Porto Marghera siano rispettati, senza incertezze né esitazioni”. Luca Zaia, presidente del Veneto commenta con queste parole l’esito degli incontri romani al Ministero dello Sviluppo Economico. “Per me ciò che valeva e vale è la firma posta a suo tempo sull’intesa per Porto Marghera, per la quale gli enti locali e la Regione del Veneto hanno già assunto impegni anche in termini di risorse pubbliche – aggiunge Zaia – e una nuova vertenza non avrebbe dovuto neppure essere aperta. Non è pensabile che tutto venga rimesso in discussione per un cambio ai vertici dell’ENI o a quelli del governo, che si è fatto carico di nominare i primi

Tragico incidente stradale nel tratto di Passante tra Spinea e Dolo. Un Tir ha travolto alcuni operai che stavano lavorando in un cantiere. Pesantissimo il bilancio: 2 morti e un ferito. Il Passante è stato chiuso

Estate spazzata via un'altra volta da temporali, nubifragi e fulmini oggi in Veneto. Molti gli allagamenti, mentre i pompieri sono intervenuti per diverse piante abbattute dalle saette. Timori nell'Alto Vicentino, dove nei giorni scorsi vi erano state frane e smottamenti. Durante un forte temporale su Padova un fulmine ha centrato un albero nel giardino di un'abitazione, che ha subito diversi danni. Una saetta ha colpito una casa a Cogollo del Cengio, causando un principio d'incendio.