Ultim'ora

“Una piaga nel corpo dell’umanità contemporanea, una piaga nella carne di Cristo. È un delitto contro l’umanità”. Così Papa Francesco ha definito la tratta di esseri umani parlando, questa mattina, ai partecipanti alla Conferenza internazionale sulla tratta di esseri umani, nell’Aula magna della Pontificia Accademia delle Scienze, promossa dalla Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles. “Il fatto di trovarci qui, per unire i nostri sforzi - ha detto il Pontefice - significa che vogliamo che le strategie e le competenze siano accompagnate e rafforzate dalla compassione evangelica, dalla prossimità agli uomini e alle donne che sono vittime di questo crimine”. Per il Papa, nell’azione di contrasto di questo “triste fenomeno”, “il rigore della legge” messo in campo dalle forze di Polizia e “l’accoglienza, il calore umano e la possibilità di riscatto alle vittime” offerte dagli operatori umanitari, “possono e devono andare insieme. Dialogare e confrontarsi a partire da questi due approcci complementari è molto importante. Per questo motivo incontri come questo sono di grande utilità, direi necessari”. 

"Le europee sono decisive non solo per il rinnovo del Parlamento europeo ma perché il Pd nel Pse ritiene il voto fondamentale per un nuovo futuro dell'Europa". Lo ha detto stamattina Matteo Renzi aprendo la direzione del Pd sulle elezioni europee ed amministrative. Renzi ha annunciato la scelta di cinque donne come capolista per le circoscrizioni del voto europeo.
Alessia Mosca per il nord ovest, Alessandra Moretti per il nord est, Simona Bonafè per "la Toscana centro - scherza Matteo Renzi - e il resto del centro", Pina Picierno per il sud e Chiara Chinnici per le isole. Sono loro le capolista annunciate dal segretario Pd: "Cinque donne punto di riferimento della scommessa del Pd in questa battaglia", sottolinea Renzi. Il Pd si è a volte "diviso al proprio interno" ed è stato "eccessivo il tono di alcuni e alcune sulla parità di genere in legge elettorale. Su questo non sono un pasdaran. Ma sarebbe molto bello avere alla guida delle liste per le europee cinque candidature di donne, non come bandierine, ma come persone che per esperienza, storia personale e lavoro fatto in questi giorni possano dare un contributo all'Europa".

La sapienza è “vedere le cose con gli occhi di Dio, sentire con le orecchie di Dio, amare con il cuore di Dio, parlare con le parole di Dio, giudicare le cose con il giudizio di Dio”. Lo ha detto il Papa, che ha iniziato oggi un ciclo di catechesi sui sette doni dello Spirito Santo, e li ha elencati: “Sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio”. “Lo Spirito Santo costituisce l’anima, la linfa vitale della Chiesa e di ogni singolo cristiano”, ha esordito il Papa, che ha tenuto la catechesi dell’udienza generale di oggi quasi interamente a braccio. “Lo Spirito Santo sempre sta con noi, sempre è in noi, è nel nostro cuore”. Ha detto il Papa: “È il dono di Dio per eccellenza, è il regalo di Dio, e a sua volta comunica a chi lo accoglie diversi doni spirituali. La Chiesa ne individua sette, numero che simbolicamente dice pienezza, completezza”.

Resta in isolamento ma potrà ricevere in visita i familiari Luigi Faccia in carcere a Vicenza per l' inchiesta della Procura di Brescia sui secessionisti e ritenuto il leader del gruppo venetista. Lo ha riferito il suo legale di fiducia, Andrea Arman. E'stata respinta inoltre dal Gip, informa lo stesso legale, l'istanza di scarcerazione per Elisabetta Adami, che dovrà così puntare sul Tribunale del Riesame.E' stato invece scarcerato un altro dei 24 arrestati, Renato Zoppi.

Alle 17.30 di Giovedì Santo, Papa Francesco celebrerà la Messa in Coena Domini presso la “Fondazione Don Carlo Gnocchi - Centro Santa Maria della Provvidenza” in Via Casal del Marmo 401, nella zona Casalotti-Boccea, a Roma. Lo rende noto la Sala stampa vaticana. Alla celebrazione che si terrà nella chiesa del Centro, parteciperanno gli ospiti, accompagnati dai loro familiari, dal personale e dai responsabili.

Perde 10 mila euro al casinò e per evitare di dirlo alla fidanzata, alla quale aveva sottratto il denaro, dice ai carabinieri di Mestre essere stato rapinato: il giovane è stato scoperto e denunciato. L'Arma non ci ha messo molto a intuire le contraddizioni del 19enne di Spinea che, dopo aver sperperato il denaro a Cà Noghera, ha inscenato una rapina.  Il racconto presentava palesi incongruenze e di fronte alle contestazioni sempre più pressanti, il giovane è crollato.

La guardia di Finanza di Treviso ha scoperto, durante un controllo a quattro società operanti nel settore edile gestite dallo stesso nucleo familiare, un'evasione fiscale da sei milioni di euro, Iva dovuta per 600.000 euro, Irap non versata per 130.000 euro, ritenute d'imposta non operate per 195.000 euro, oltre all'impiego di 143 lavoratori irregolari e 8 operai completamente in nero. Figuravano poi fittizie ore di sospensione dal lavoro, per le quali veniva chiesta la cassa integrazione.

Prelevato, percosso e poi freddato con due colpi alla testa, davanti alla sua residenza. Così è stato ucciso da uomini armati sconosciuti, questa mattina alle 8, ad Homs, nel quartiere di Basatin al Diwan, il padre gesuita olandese Frans Van der Lugt. La notizia è stata confermata dalla Curia provinciale del Magreb e del Medio Oriente della Compagnia di Gesù che in una nota, pervenuta al Sir, invita a pregare per tutti coloro che lavorano per la pace, la riconciliazione e la giustizia. Il religioso, che risiedeva in una delle zone assediate più a rischio dai combattimenti, aveva rifiutato di lasciare il quartiere quando c‘era stata l‘evacuazione dei civili, per essere accanto alla popolazione locale.

Il Papa ha approvato “una proposta sul futuro” dello Istituto per le opere di religione “riaffermando l’importanza della missione dello Ior per il bene della Chiesa Cattolica, della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano”. È quanto rende noto oggi la Sala stampa vaticana, precisando che “la proposta è stata sviluppata congiuntamente da rappresentanti della Pontificia Commissione Referente sullo Ior (Crior), della Pontificia Commissione Referente di Studio e di Indirizzo sull’Organizzazione della Struttura economico-amministrativa della Santa Sede (Cosea), della Commissione Cardinalizia dello Ior, e del Consiglio di Sovrintendenza dello Ior, e presentata al Santo Padre dal cardinale-prefetto della Segreteria per l’Economia con il consenso del cardinale Santos Abril y Castelló, presidente della Commissione Cardinalizia dello Ior”.

“Il matrimonio è il simbolo ed è anche una realtà umana del rapporto fedele di Dio col suo Popolo. E quando si rovina il matrimonio con un adulterio, si sporca questo rapporto di Dio con il popolo”. Lo ha detto Papa Francesco celebrando questa mattina la messa in Casa Santa Marta. L’episodio dell’adultera perdonata è il Vangelo del giorno, che ha dato lo spunto al Papa per spiegare cosa sia la misericordia di Dio. A scribi e farisei - ha sottolineato il Papa - “non importava la donna; non importavano gli adulteri, forse qualcuno di loro era adultero… Non importava! Soltanto importava fare una trappola a Gesù!”. Cristo perdona, "ma qui - ha rilevato Bergoglio - è qualcosa di più del perdono”. “Gesù passa la legge e va oltre. Non le dice: ‘Non è peccato l’adulterio!’. Non lo dice! Ma non la condanna con la legge. E questo è il mistero della misericordia”, “qualcosa difficile da capire”.

Ha spiegato la "sua innocenza" e il "suo pacifismo" Franco Rocchetta, il fondatore della Liga Veneta tratto in arresto nell'inchiesta sui presunti 'secessionisti' veneti e bresciani. Rocchetta ha risposto ai giudici che l'hanno sentito per rogatoria a Treviso. Lo ha riferito il legale della difesa, l'avvocato padovano Fabio Pinelli. Rocchetta ha detto di ripudiare la violenza e di non aver mai visto armi.

 ''Parta un appello popolare affinche' siano liberati tutti''. Cosi' Luca Zaia, governatore del Veneto, per i 24 secessionisti arrestati nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Brescia. ''Il Tribunale - insiste Zaia - li giudichi da uomini liberi''. Oggi i primi interrogatori. A Vicenza, Luigi Faccia, un ex dei ''Serenissimi'' (quelli della ''conquista' del campanile di San Marco nel 1997), si e' dichiarato ''prigioniero di guerra''. A Verona, Luciano Chiavegato, leader del movimento ''9 dicembre'', si e' detto ''estraneo ai fatti''. A Padova, Flavio Contin, un altro ex serenissimo, si e' avvalso della facolta' di non parlare. Domani tocchera', fra gli altri, all'ex parlamentare leghista Franco Rocchetta, la cui moglie, Marilena Marin, gia' europarlamentare del Carroccio,, lo ha definito ''un patriota, ma non certo un terrorista''. E per la liberazione di Rocchetta hanno lanciato un appello, da Venezia, anche Massimo Cacciari, Gianfranco Bettin e Beppe Caccia. 

Sono iniziati gli interrogatori dei secessionisti arrestati nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Brescia. A Padova, Flavio Contin, uno degli arrestati e gia' ''serenissimo'' (nel 1997 partecipo' all'occupazione del campanile di San Marco), si e' avvalso della facolta' di non rispondere. 

Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato, dividendosi, un documento di una riga e mezza da inviare al governo che esprime la richiesta che "le sia riconosciuto lo status di regione a statuto speciale". L' approvazione arriva al termine di due giornate di discussione sulla revisione Costituzionale che prevede il superamento del bicameralismo e la modifica del titolo quinto.

Sette chili di eroina sono stati sequestrati dalla squadra mobile di Venezia che ha arrestato ad Este (Padova) un 26enne albanese, già indagato per droga nel 2012.La polizia si è attivata dopo aver appreso che sulla piazza girava eroina pura.L'attenzione si è indirizzata sull'albanese, che ostentava un alto tenore di vita. Così gli agenti hanno seguito il giovane fino ad un garage ad Este dove è stato bloccato: addosso aveva mezzo kg di eroina; altri 6 kg e mezzo erano nel garage.

Un operaio è morto schiacciato tra i rulli di un nastro trasportatore nella ditta in cui lavorava, a Musano di Trevignano (Treviso). La vittima si chiamava Alessandro Marchesin, 54 anni, del luogo. L'incidente è accaduto in una ditta di agrifunghi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Montebelluna (Treviso)

Rush finale in Aula alla Camera per il ddl Delrio sulle province. L'assemblea di Montecitorio ha dato il sì definitivo al provvedimento che le abolisce. Il testo è stato approvato con 260 sì, 158 no e 7 astenuti Con il via libera al provvedimento le Province non vengono cancellate (serve un ddl di riforma costituzionale che ha già ottenuto la procedura d'urgenza per essere esaminato dal Senato) ma riordina le competenze degli enti locali in attesa che le Province vengano appunto soppresse. Arrivano intanto le città metropolitane e le unioni tra Comuni.

“Cordoglio e vicinanza” alla popolazione cilena colpita martedì sera da un terremoto di magnitudo 8.2. Li esprime Papa Francesco, in un messaggio inviato all’arcivescovo di Santiago del Cile e presidente della Conferenza episcopale cilena, cardinale Ricardo Ezzati. “Desidero far pervenire a tutti i cileni la mia vicinanza e il mio affetto - scrive il Pontefice -. Prego Dio che conceda l‘eterno riposo alle persone morte, doni consolazione a chi ha subìto gli effetti di una disgrazia così triste e al tempo stesso ispiri in tutti sentimenti di speranza per affrontare le avversità”. Al contempo, prosegue il Santo padre, “chiedo fortemente alle comunità cristiane, le istituzioni civili e le persone di buona volontà, che in questi momenti così dolorosi offrano un aiuto efficace alle persone coinvolte, con spirito generoso e carità fraterna”. Su tutti Papa Francesco invoca “l’amorevole protezione di Nostra Signora del Carmine”. Al momento è di sei morti il bilancio del sisma. Centinaia di migliaia di persone sono state evacuate, numerosi i danni materiali.

“La preghiera ci cambia il cuore. Ci fa capire meglio come è il nostro Dio. Ma per questo è importante parlare con il Signore, non con parole vuote” ma “con la realtà”. Così Papa Francesco, nell’omelia della messa celebrata questa mattina a Santa Marta. Commentando il dialogo di Mosè con Dio e la sua preghiera di intercessione, il Pontefice ha spiegato che essa “è una vera lotta con Dio”. E Mosè “parla liberamente davanti al Signore e ci insegna come pregare, senza paura, liberamente, anche con insistenza. Mosè insiste. È coraggioso. La preghiera dev’essere” anche un “negoziare con Dio”. Proprio Mosè, “che credeva che il Signore avrebbe distrutto il popolo”, alla fine sente la sua misericordia.

Primo volo del primo collegamento, oggi, dall'aeroporto veneziano di Tessera a Tokyo, da parte di Alitalia. ''Da oggi Venezia diventa il terzo scalo intercontinentale di Alitalia in Italia - ha detto l'ad Gabriele Del Torchio alla cerimonia inaugurale - grazie ad un nuovo collegamento ch amplia il ruolo mondiale di Venezia e del Veneto. Oggi questo scalo, il Marco Polo, si conferma ancora di piu' quale porta d'Oriente.

Due romeni sono finiti in carcere dopo la denuncia alla polizia di Venezia di una loro connazionale fuggita dalla casa in cui era segregata a Mogliano Veneto. La vittima, una ventenne romena, con il volto sanguinante, era stata soccorsa due notti fa da un automobilista sul Terraglio e portata all'ospedale.La donna ha raccontato di essere giunta in Italia lo scorso febbraio credendo di andare a svolgere un lavoro regolare. Invece i due connazionali l'hanno costretta a prostituirsi.

''Penso che sia grave che Roma continui a dormire, la periferia dell'impero non ce la fa piu' e Roma continua a fregarsene del Veneto. Se la risposta politica del Governo alle nostre istanze e' la modifica del Titolo V, e' vergognoso''. Cosi' Luca Zaia, Presidente delle Regione Veneto, oggi a Venezia. ''Si sta annacquando questa informazione dietro alla modifica del Senato ma le Regioni verranno svuotate di ogni competenza e questa e' la risposta che un veneto non vorrebbe mai'', ha continuato Zaia. ''La situazione sta precipitando e non perche' qualcuno prepara un trattore con un po' di lamiere, ma perche' la gente non sbarca piu' il lunario'', ha concluso il governatore.

Alla convocazione dell’ufficio di presidenza dell’Anci nazionale verrà discusso il documento elaborato da Anciveneto assieme a tutti i sindaci della Regione, tra cui quelli dei comuni capoluogo. Il documento elaborato dai sindaci veneti, capoluoghi compresi, per una maggiore autonomia fiscale sarà preso in esame domani 3 aprile dal presidente dell’Anci nazionale Piero Fassino. Lo consegnerà direttamente il presidente di Anciveneto Giorgio Dal Negro, in trasferta a Roma per la convocazione dell’ufficio di presidenza nazionale (dalle 9.30 in poi, negli uffici di Via dei Prefetti 46). «E’ la continuazione di un impegno che portiamo avanti da almeno due mesi e che proseguirà fino ai tavoli ministeriali –spiega Dal Negro- L’obiettivo è ottenere la maggiore autonomia fiscale possibile, o quantomeno una revisione più equa a favore delle municipalità venete per quel che riguarda il patto di stabilità, la Tasi e l’Imu. Se non si interviene in questi ambiti, lo ripeto per l’ennesima volta, i sindaci non potranno neppure svolgere il proprio lavoro. Su questo fronte sono peraltro compatte tutte le amministrazioni venete, a prescindere dall’appartenenza politica».

Meno 33 mila lavoratori in 6 anni in Veneto nelle costruzioni. Per la Cgia è stato il trevigiano a subire la contrazione più forte: 10 mila (-30,3%) i posti persi tra il 2008 e il 2013. La crisi ha colpito anche il veronese (-25,1%, persi 8.559) e il padovano (persi 4.821 posti, -13,5%). A Rovigo invece +127 unità.In Veneto -24,9% il Pil prodotto dall'edilizia, calo dei prestiti delle banche alle aziende edili (-16,7% a Belluno e -14,6% a Treviso,-1,85 mld euro impieghi erogati.

Anche Franco Rocchetta, fondatore della Liga Veneta, risulta tra gli arrestati dell'inchiesta della Procura di Brescia sui Serenissimi. Rocchetta contribui' negli anni '80 con la moglie Marilena Marin, ex europarlamentare del Carroccio, alla costituzione del movimento della Liga. E' stato parlamentare dello stesso partito e sottosegretario agli esteri. Poi abbandono' il movimento in dissidio con Umberto Bossi. Recentemente Rocchetta e' stato tra i promotori del referendum on line sulla indipendenza del Veneto e domenica scorsa ha partecipato, dal tavolo dei relatori, alla riunione dei ''venetisti'' che, tra l'altro, hanno annunciato lo sciopero fiscale

Un terremoto di magnitudo 8.2 ha scosso il nord del Cile, in un’importante zona mineraria, provocando uno tsunami che ha costretto ad evacuare centinaia di migliaia di persone e ha causato almeno cinque morti. L’epicentro del sisma è stato localizzato nel Pacifico, 86 km a nordovest della città di Iquique – 180.000 abitanti, vicino alla frontiera col Perù – e a 20 km di profondità, secondo il Servizio geologico degli Stati Uniti. Con il terremoto è scattata l’allerta tsunami dal Cile all’America Centrale, mentre la presidente Michelle Bachelet ha decretato lo stato di “catastrofe” nelle regioni colpite, un provvedimento che implica il dispiegamento dell’esercito e della polizia per coordinare l’assistenza e mantenere l’ordine pubblico.

I Carabinieri della Compagnia di Treviso hanno arrestato una giovane trevigiana di origini dell’est, G.S. di 38 anni, con numerosi precedenti di polizia, residente in provincia di Roma, per un ordine di esecuzione pena emesso da quella Procura. Il fatto è accaduto nella trascorsa notte, in Preganziol (TV), quando i militari del Nucleo Radiomobile hanno bussato all’appartamento di un parente della giovane per una perquisizione che nulla aveva a che vedere con la ricerca in questione.  Non è stato agevole il compito degli investigatori nell’identificazione della donna. La stessa, infatti, era già stato segnalata con ben 28 “alias” per vari reati. Alla fine è risultato un ordine di esecuzione pena emesso dalla Procura di Roma per una serie di violazioni edilizie commesse nella capitale nel 2008. La giovane è stata condotta presso il carcere di Venezia  - Giudecca dove dovrà espiarvi la condanna a un anno e quattro mesi di reclusione.

Hanno viaggiato per oltre due giorni dalla Grecia fino al vicentino, nascosti nella cella frigo di un tir e riuscendo a sopravvivere ai 3 gradi di temperatura. Salvati dall'autista del camion, che li ha sentiti bussare, ora sono ospitati in una comunità di Montecchio. Protagonisti del terribile viaggio 4 ragazzi afghani, dai 14 ai 16 anni, fuggiti dal loro Paese in preda a guerra e povertà. Erano saliti sul camion-frigo quando questo si è imbarcato in Grecia su un traghetto per Venezia.

''Vogliamo un Veneto a statuto speciale. E' una strada fattibile''. In vista della discussione prevista per domani in Prima Commissione in merito all'autonomia e all'indipendenza, il Gruppo di Forza Italia per il Veneto annuncia il suo appoggio alla proposta di legge sull'autonomia, progetto che intende dare piena attuazione ai primi articoli del nuovo Statuto del Veneto in materia di autonomia e autogoverno. ''Non possiamo bluffare l'opinione pubblica con proposte irrealistiche e irrealizzabili'', affermano Dario Bond e Piergiorgio Cortelazzo, rispettivamente capogruppo e vicecapogruppo di Forza Italia per il Veneto.

Ryanair ha dato oggi l'avvio alla nuova programmazione estiva da Treviso ed il lancio del nuovo volo per Eindhoven, che avra' tre frequenze settimanali a partire da domani 1 aprile. La programmazione estiva estiva 2014 Ryanair da Treviso conta 30 rotte incluse le quattro nuove rotte verso Bruxelles (Zavantem), Eindhoven, Catania e Lamezia grazie alle quali contiamo di trasportare oltre 1.7 milioni di passeggeri nel 2014. ''Siamo lieti di festeggiare l'avvio l'avvio della nuova programmazione estiva da Treviso ed il lancio del nuovo volo per Eindhoven, che avra' tre frequenze settimanali a partire da domani 1 Aprile - ha dichiarato Giuseppe Belladonne, sales and marketing executive di Ryanair perl'Italia -. La programmazione estiva estiva 2014 Ryanair da Treviso conta 30 rotte incluse le due nuove rotte internazionali verso Bruxelles (Zavantem), Eindhoven e le nuove rotte nazionali verso Catania e Lamezia gia' lanciate lo scorso dicembre.