Ultim'ora
stampa

Ramadi liberata, la gioia mista ad amarezza di mons. Warduni

“Una notizia incoraggiante che darà forza e sostegno a tutti coloro che lottano per la propria nazione e il proprio popolo, perché vivano in serenità”. Così il vescovo caldeo ausiliare di Baghdad, monsignor Shlemon Warduni, commenta la riconquista, da parte dell’esercito iracheno, di Ramadi,  città a maggioranza sunnita, situata a 100 km da Baghdad, snodo strategico importante fra Siria e Iraq, da 8 mesi circa in mano ai miliziani dello Stato islamico. Tuttavia, aggiunge il presule, “questa notizia deve farci riflettere su come sia stato possibile che una città importante come questa sia stata conquistata dallo Stato Islamico in pochissimo tempo e ci siano voluti mesi per liberarla. Ci sono tanti Giuda, infatti, pronti a vendersi per qualche interesse politico, materiale o per fanatismo religioso. Come è possibile che ciò accada in un Paese ricco e  forte? Da dove proviene tutta questa zizzania?”.

Parole chiave: iraq (28), isis (70)
Fonte: Sir
Ramadi liberata, la gioia mista ad amarezza di mons. Warduni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento