giovedì, 20 giugno 2024
Meteo - Tutiempo.net

Consiglio d’Europa: 75 anni per i diritti umani e la pace

Nella ricorrenza, intervista alla segretaria generale, Marija Pejcinovic Buric, tra le nuove sfide l’intelligenza artificiale e l’ambiente

Il 5 maggio 1949 nasceva in Europa, sulle ceneri delle distruzioni della Seconda guerra mondiale, un’area giuridica comune, per proteggere e promuovere norme comuni in materia di diritti umani, democrazia e stato di diritto: il Consiglio d’Europa (CoE). Sono membri 46 Stati europei, tra i quali tutti i 27 Stati membri dell’Unione europea (Ue), ma anche Paesi extra-Ue, come il Regno Unito, l’Ucraina e la Turchia. Israele ha lo status di osservatore all’Assemblea parlamentare, mentre la Russia è stata espulsa il 16 marzo 2022 - dopo 26 anni di adesione - ai sensi dell’articolo 8 dello Statuto del CoE, a seguito del conflitto con l’Ucraina.

Il Consiglio d’Europa accompagna gli Stati in processi di riforma, si occupa di formazione e, soprattutto, elabora delle convenzioni, spesso aperte anche alla firma di Paesi extraeuropei. L’ultima iniziativa è la Convenzione quadro sull’intelligenza artificiale, i diritti umani e lo Stato di diritto. Di questo organismo, che ha migliorato la vita dell’Europa in molti ambiti, dall’abolizione della pena di morte alla lotta ai crimini nel cyberspazio, conosciamo troppo poco funzioni e peculiarità. Ne parliamo con Marija Pejcinovic Buric, segretaria generale del Consiglio d’Europa.

Il 5 maggio il Consiglio d’Europa spegnerà ben 75 candeline. Un traguardo importante per un organismo vecchio stile o per un organismo che si sta rinnovando?

Il Consiglio d’Europa sta sicuramente invecchiando con gli anni - e non lo facciamo tutti - ma rimane più importante che mai. La nostra organizzazione, infatti, si è sempre evoluta al passo con i tempi. Se si guarda l’elenco delle convenzioni del Consiglio d’Europa, ad esempio, queste riflettono le sfide che hanno destato grande preoccupazione al momento della loro stesura. Il presente non fa eccezione. Abbiamo appena concluso e presto adotteremo il primo trattato globale per sfruttare i vantaggi dell’intelligenza artificiale, impedendo che metta a repentaglio i diritti umani, la democrazia e lo stato di diritto. L’anno scorso abbiamo anche tenuto il nostro 4° vertice dei capi di Stato e di Governo, durante il quale i leader europei hanno fissato un percorso ambizioso per il futuro del Consiglio d’Europa.

Qual è in breve questo percorso?

I leader hanno convenuto di rafforzare il Consiglio d’Europa e la sua azione, adottando una dichiarazione sui principi democratici, rinnovando il loro impegno a favore della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e sviluppando strumenti per rispondere alle sfide emergenti in materia di intelligenza artificiale e di ambiente.

I cittadini spesso confondono il Consiglio d’Europa con l’Unione europea. Quali sono le caratteristiche principali del CoE?

Posso capire la confusione, a prima vista. Dopotutto, dal 1986, l’Ue utilizza anche la bandiera europea creata dal Consiglio d’Europa nel 1955. Il Consiglio d’Europa utilizza anche l’inno europeo (un estratto dal preludio dell’Inno alla gioia della Nona sinfonia di Beethoven) dal 1972. Quindi, i simboli sono gli stessi. Tuttavia, la nostra è un’organizzazione molto diversa. Il CoE è puramente intergovernativo e mira a proteggere e promuovere i diritti umani, la democrazia e lo stato di diritto nei suoi 46 Stati membri. Ha adottato 223 trattati che affrontano numerose questioni che vanno dai diritti civili e politici a quelli sociali ed economici, alla cooperazione culturale, alla lotta contro ogni forma di criminalità - anche online - all’abolizione della pena di morte e al divieto della tortura, al sostegno della bioetica, prevenire la violenza contro le donne e presto affrontare anche l’intelligenza artificiale, per citarne solo alcune. Del Consiglio d’Europa fa parte anche la Corte europea dei diritti dell’uomo, alla quale chiunque si trovi sotto la giurisdizione di uno Stato membro, a determinate condizioni, può presentare reclami per presunte violazioni dei diritti umani.

Forse però il CoE parla poco di pace, specie ora che due scenari di guerra sono alle porte del nostro continente: l’Ucraina e il Medio Oriente...

Come Segretaria generale del Consiglio d’Europa, parlo sempre dell’importanza della pace. La pace è nel dna del CoE: è essenziale per ciò che facciamo. Per quanto riguarda il nostro Stato membro, l’Ucraina, facciamo tutto il possibile per sostenerlo: dall’assicurare la responsabilità dell’aggressione russa al sostegno delle sue riforme interne. Per l’Ucraina, auguro soprattutto la pace – ma una pace giusta – e non può esserci pace giusta senza responsabilità. Questo è il motivo per cui abbiamo creato un Registro dei danni per l’Ucraina, come primo passo necessario verso un meccanismo di risarcimento globale. Per quanto riguarda la situazione in Medio Oriente, sono anche molto preoccupata e l’ho affermato più volte e pubblicamente. Tuttavia, il CoE è un’organizzazione regionale e abbiamo un’influenza limitata, al di fuori della nostra competenza geografica.

Sono ormai passati due anni dall’uscita della Russia dal CoE. Quali sono i rapporti oggi con Mosca?

La Russia non è più uno Stato membro, ed è giusto che sia così. La Corte europea dei diritti dell’uomo rimane competente a trattare i ricorsi contro la Russia riguardanti azioni o omissioni avvenute fino al 16 settembre 2022. Oltre 17 mila ricorsi contro la Russia sono attualmente pendenti davanti al Comitato dei ministri. Ai sensi della Convenzione europea sui diritti dell’uomo, la Russia ha l’obbligo giuridico vincolante di attuare le sentenze e le decisioni della Corte, e il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa continua a supervisionare l’esecuzione delle sentenze della Corte. Oltre 2 mila sentenze e decisioni devono ancora essere pienamente attuate dalla Russia e rimangono pendenti davanti al Comitato dei Ministri. La Russia resta, inoltre, vincolata ad alcune delle nostre convenzioni, come quella che protegge i bambini dallo sfruttamento e dagli abusi sessuali.

Il Mediterraneo sembra uscito dai radar dell’Europa, nonostante continui a essere una zona strategica. Quali sono i rapporti tra il CoE e i Paesi mediterranei non europei?

Lavoriamo a stretto contatto con i Paesi della regione attraverso due mezzi principali. Innanzitutto, attraverso le nostre attività di cooperazione, sosteniamo le riforme giuridiche e istituzionali in Paesi come il Marocco e la Tunisia. Di conseguenza, questi Paesi hanno aderito o si stanno preparando ad aderire ad alcune delle nostre convenzioni chiave e hanno anche intrapreso importanti riforme interne. In secondo luogo, collaboriamo con loro attraverso il nostro centro Nord-Sud, con sede a Lisbona, il quale promuove l’interdipendenza e la cooperazione Nord-Sud attraverso il dialogo interculturale e l’educazione globale.

Forse pochi sanno che Israele ha lo status di Paese osservatore all’Assemblea parlamentare, dal lontano 1957. Quali iniziative può intraprendere il CoE per promuovere la pace in Medioriente?

Pur avendo condannato tutti gli atti di violenza avvenuti e che si stanno verificando in Medio Oriente, e pur promuovendo azioni volte a combattere l’antisemitismo, l’odio anti-musulmano e tutte le forme di intolleranza religiosa in Europa, il Medio Oriente è fuori dalla nostra portata geografica, ma ovviamente spero che i valori rappresentati da questa Organizzazione siano anche il fondamento della pace nella regione.

Sul piano dei diritti umani il CoE ha più volte sollecitato il nostro Paese a rispettare le Convenzioni firmate in particolare nell’ambito dei diritti dei detenuti, dei migranti, delle minoranze rom e dell’obiezione di coscienza. Qual è il quadro oggi a livello europeo?

Attraverso le sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo e dei molteplici organi consultivi e di monitoraggio del Consiglio d’Europa, ricordiamo continuamente ai Paesi membri le aree in cui sono necessari progressi. Questo è un processo naturale di cooperazione. Dovrebbe essere visto come un’opportunità per tutti i Paesi di migliorare il proprio quadro giuridico e istituzionale e le proprie pratiche.

A giugno si tengono le elezioni Europee. Come si sta muovendo il CoE per verificare il rispetto delle comuni regole democratiche durante la campagna elettorale e le operazioni di voto?

Queste “elezioni europee” sono le elezioni del Parlamento europeo, che è un’istituzione dell’Unione europea. Il Consiglio d’Europa non ha alcun ruolo diretto nella supervisione delle elezioni del Parlamento europeo. Non posso che incoraggiare tutti i cittadini dell’Ue a votare, esprimendo così i loro diritti democratici e contribuendo a definire politiche dell’Ue che abbiano un impatto diretto sulle loro vite.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
06/06/2024

Si tratta, da parte nostra, di un importante diritto-dovere civico, perché, per molti aspetti, è in gioco...

25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

TREVISO
il territorio
18/06/2024

Partirà mercoledì 19 giugno, con il primo intervento in via Brunelleschi, il piano asfaltature 2024,...

13/06/2024

In un’atmosfera di festa, con bambini che disegnano a terra con i gessetti, cittadini in sella alle nuove...