martedì, 20 febbraio 2024
Meteo - Tutiempo.net

La via del mare: cinque Comuni depositano un ricorso al Tar

I Comuni di Fossalta di Piave, Meolo, Monastier di Treviso, Roncade e Silea, contrari al project financing dell’opera, affiancano all’azione legale un’azione comunicativa, chiedendo l’avvio di un confronto per affrontare le ricadute sulla viabilità della Treviso – Mare.

Dopo aver espresso sin dall’inizio le proprie perplessità sulle ricadute della realizzazione dell’autostrada “La via del mare”, collegamento di 18 chilometri tra il casello di Meolo e il Comune di Jesolo fino alla rotatoria della Frova, i Comuni di Fossalta di Piave, Meolo, Monastier di Treviso, Roncade e Silea presenteranno insieme un ricorso al Tar - Tribunale Amministrativo Regionale per l’aggiudicazione dell’opera.

Un’azione corale, dunque, che persegue la via legale ma anche quella del confronto, con l’unico scopo di garantire una sostenibilità ambientale, infrastrutturale ed economica ai territori interessati.

“È avvenuta l’aggiudicazione dell’opera, ma non riteniamo soddisfacente la risposta che si vuole dare alle problematiche dell’arteria stradale e restano aperti ancora numerosi interrogativi: - sottolineano i sindaci Manrico Finotto di Fossalta di Piave, Daniele Pavan di Meolo, Paola Moro di Monastier di Treviso, Pieranna Zottarelli di Roncade e Rossella Cendron di Silea - le criticità della viabilità e la messa in sicurezza, in un’ottica di visione strategica della Treviso – Mare, così come la questione dei pedaggi e delle opere complementari che verranno realizzate.

A nostro avviso sono davvero tanti gli aspetti che richiedono approfondimento e gestione adeguata, anche perché l’opera, progettata oltre dieci anni fa, non risponde più in maniera aderente al mutato contesto socioeconomico: solo negli ultimi anni si sono aggiunte, ad insistere sulla Treviso – Mare e all’uscita del casello autostradale Treviso Sud, diverse nuove attività così come anche l’accesso alla Pedemontana Veneta da Silea”.

“Per tutti questi motivi – continuano i sindaci - chiediamo che l’opera sia preceduta da un confronto allargato e basato sulla situazione e sulle esigenze attuali visto che l’asse viario, il cui progetto è monco in quanto prevede la cantierizzazione futura solo fino alla rotonda Frova, non ha finora mai visto il consenso dei Comuni interessati. Concordiamo sull’esigenza di intervenire mettendo in sicurezza la Treviso Mare lungo tutto il percorso, come pure la contermine viabilità dei Comuni coinvolti, ma siamo contrari al project financing della Via del mare: non si può rischiare di realizzare un intervento che non soddisfi tutte le attuali esigenze dei territori coinvolti. E, aggiungiamo, è legittimo aspettarsi degli interventi di mitigazione o compensazione per i nostri Comuni, che verranno attraversati dal traffico a beneficio delle sole località balneari”.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio