mercoledì, 19 giugno 2024
Meteo - Tutiempo.net

Cinque anni fa la tempesta Vaia. Zaia: “Per l’estate la riapertura dei Serrai di Sottoguda

“Dopo cinque anni possiamo dire che la maggior parte degli oltre 2.500 cantieri è stata chiusa e gli interventi in massima parte portati a termine – precisa Zaia -. Per quanto riguarda le opere simbolo, la pulizia del lago di Alleghe è stata ultimata ed il ripristino dei Serrai di Sottoguda è in avanzato stato di realizzazione e c’è la previsione di apertura per la prossima estate. Ricordo che si tratta di due interventi complessivamente da 16 milioni di euro per luoghi che sono l’emblema di quanto accaduto quella terribile notte di cinque anni fa”

“Cinque anni fa, in questi giorni, ebbe inizio l’ondata di maltempo che portò il 29 ottobre ad abbattersi sulla nostra montagna la tempesta Vaia, un evento atmosferico di entità inimmaginabile che ha lacerato le Dolomiti, abbattendo alberi, colpendo case e fabbriche, strade e ponti, con una furia mai vista. Voglio ricordare l’evento, ma soprattutto come noi Veneti abbiamo saputo reagire, mettendo in campo tutte le forze e le energie che avevamo a disposizione, senza mai fermarci per ripristinare i territori e sostenere le popolazioni così violentemente colpite. L’omaggio del ricordo e un nuovo grazie lo rivolgo a tutti coloro che hanno lottato e sofferto per riportare in vita boschi e paesi, per ripristinare strade e servizi e tornare a far risplendere le nostre meravigliose Dolomiti, patrimonio Unesco”.

Lo afferma il presidente della Regione Luca Zaia che così ricorda il quinto anniversario della tempesta Vaia che il 29 ottobre 2018 si abbatté sulla montagna veneta, in particolare tra il vicentino e il bellunese, con venti fino a 200 km all’ora, causando la caduta di oltre 15 milioni di alberi, provocando la morte di tre persone e danni valutati in circa 3 miliardi di euro.

Luca Zaia fu nominato Commissario delegato alla ricostruzione per il primo triennio con una gestione commissariale per opere pari a oltre un miliardo di euro, seguì poi la nomina di Ugo Soragni che ha portato a termine la gestione commissariale a gennaio 2022, quando un Decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile ha affidato alla Regione del Veneto la gestione ordinaria e la prosecuzione degli interventi.

“Dopo cinque anni possiamo dire che la maggior parte degli oltre 2.500 cantieri è stata chiusa e gli interventi in massima parte portati a termine – precisa Zaia -. Per quanto riguarda le opere simbolo, la pulizia del lago di Alleghe è stata ultimata ed il ripristino dei Serrai di Sottoguda è in avanzato stato di realizzazione e c’è la previsione di apertura per la prossima estate. Ricordo che si tratta di due interventi complessivamente da 16 milioni di euro per luoghi che sono l’emblema di quanto accaduto quella terribile notte di cinque anni fa”.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
06/06/2024

Si tratta, da parte nostra, di un importante diritto-dovere civico, perché, per molti aspetti, è in gioco...

25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

TREVISO
il territorio
18/06/2024

Partirà mercoledì 19 giugno, con il primo intervento in via Brunelleschi, il piano asfaltature 2024,...

13/06/2024

In un’atmosfera di festa, con bambini che disegnano a terra con i gessetti, cittadini in sella alle nuove...