sabato, 25 maggio 2024
Meteo - Tutiempo.net

Kirikù, 15 anni con ragazzi e giovani, nuova comunità diurna a Vedelago

In quindici anni è stata fondata la Comunità diurna di Crocetta del Montello e inaugurata nel 2023 la Comunità di Vedelago. La comunità diurna accoglie nelle ore del giorno ragazzi provenienti da famiglie in situazioni di momentanea difficoltà. Sono state attivate in diversi comuni della Marca ben 14 tipologie di servizi territoriali

Nata nel 2009 con lo scopo di costruire benessere e di dare risposte educative mirate ai bisogni del territorio, la Cooperativa Sociale Kirikù di Montebelluna copie 15 anni, dopo avero chiuso con soddisfazione il suo bilancio sociale dell’anno 2023 riscontrando importanti incrementi.

In 15 anni di lavoro – che saranno festeggiati nel 2024 – ha visto aumentare la sua compagine sociale da 7 a 26 membri e la firma di ben 64 contratti di assunzione (57 quelli a tempo indeterminato), di cui 22 solo negli ultimi due anni; forte la trazione femminile in entrambi i comparti (sono donne 20 socie su 26 e 49 lavoratrici su 64), i quali vedono una rappresentanza significativamente giovane (36 anni infatti l’età media di soci e lavoratori). Questa forza lavoro è attiva su ben 59 comuni mettendo a disposizione una pluralità di competenze educative in campo familiare, scolastico e sociale allo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità e promuovere i fondamentali diritti dei cittadini e delle cittadine, con speciale attenzione ai bisogni delle famiglie e dei minori. Così nel 2023 Kirikù ha potuto accompagnare 8.637 persone, di cui 5.436 minori, (coinvolti soprattutto tramite politiche giovanili e progetti con le scuole), 1.467 minori in povertà educativa e 1.734 adulti (soprattutto grazie a un lavoro svolto direttamente con le famiglie), in piena sinergia con i numerosi enti locali quali Comuni, Azienda Sanitaria, Istituti Scolastici, Enti del Terzo settore (altre cooperative e associazioni), consulenti esterni (psicologici, pedagogici, formativi) ed enti sovralocali quali Provincia e Regione, Università di Padova e Iusve, Provincia e Regione, Ministeri, Unione Europea. Un risultato ottenuto grazie alle tante progettualità avviate nel corso degli anni, tutte rivolte alla tutela del nucleo familiare, delle sue relazioni e risorse, puntando alla realizzazione di progetti individualizzati per ciascuno.

Con questi obiettivi, in quindici anni è stata fondata la Comunità diurna di Crocetta del Montello e inaugurata nel 2023 la Comunità di Vedelago. La comunità diurna accoglie nelle ore del giorno ragazzi provenienti da famiglie in situazioni di momentanea difficoltà. Sono state attivate in diversi comuni della Marca ben 14 tipologie di servizi territoriali, di cui 6 dedicate all’animazione di bambini e ragazzi, 8 tipologie di progetti adottate in diversi istituti scolastici e altre 62 progettualità in risposta a specifici bandi promossi da enti locali, Regione veneto, Ministero, Regione veneto, Ministeri e Dipartimenti, Unione Europea. Tra le tipologie di servizi, adottati in diversi comuni, si segnalano: educative domiciliari territoriali (ovvero accompagnamento educativo nella quotidianità di bambini e adolescenti nel proprio nucleo familiare e/o comunità di riferimento); percorsi di autonomia e accompagnamenti lavorativi dedicati ai ragazzi più grandi; reti di famiglie solidali; corsi di sostegno alla genitorialità e all’educazione finanziaria rivolti agli adulti; progettualità di animazione ed educazione per bambini, ragazzi/e e giovani in ottica di prevenzione (intervenendo prima che il disagio di manifesti e quindi andando a promuovere il benessere) tra cui Progetti Giovani, Centri di aggregazione, Centri estivi ed Educativa di strada; progetti specifici come il “Social Day” e il “Ci sto? Affare fatica!”, che permettono di far sperimentare ai ragazzi la vera cittadinanza attiva. Dal 2011 è forte anche la presenza all’interno degli istituti scolastici con progetti realizzati in ottica di prevenzione secondaria (intervenendo su richiesta degli insegnanti che intercettano in alcuni studenti particolari fragilità relazionali, comportamentali o affettive) quali i Sep (Spazi Educativi Pomeridiani nelle scuole primarie, con sostegno ai compiti e promozione delle competenze espressive e relazionali in piccolo gruppo), Spazio Ascolto (uno spazio per gli studenti di supporto pedagogico e aiuto per affrontare le difficoltà legate alla crescita personale e alle relazioni con i coetanei, la famiglia e la scuola), Studio Assistito, pomeriggi facoltativi, accoglienza anticipata e altro ancora.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio