lunedì, 27 maggio 2024
Meteo - Tutiempo.net

Montebelluna: in ospedale inaugurata la “Stanza rosa” per le donne che subiscono violenza

La Stanza rosa offre un ambiente sicuro e accogliente per le prime cure e l’avvio di un percorso di sostegno personalizzato, un contesto più sicuro e riservato alle donne vittime di violenza e ai minori che le accompagnano. Qui potranno non solo ricevere le cure mediche necessarie, ma anche trascorrere la notte in un ambiente più confortevole e protetto

La Festa della donna può essere un’occasione per ricordare che è un diritto fondamentale delle donne anche quello di avere una vita libera dalla violenza e che la lotta alla violenza contro le donne e sui minori è una sfida che coinvolge tutti. Ecco perché è stata inaugurata proprio l’8 marzo la “Stanza rosa” del Pronto Soccorso dell’ospedale di Montebelluna, simbolo di speranza e di rinascita, luogo dove le vittime possono finalmente sentirsi al sicuro e iniziare a ricostruire la propria vita.

Da molti anni l’Ulss 2 combatte la violenza domestica e di genere, con l’obiettivo di far emergere il problema e supportare le donne e i minori che ne sono vittime.

Dal 2017, grazie al “codice rosa”, un protocollo dedicato, sono state identificate e aiutate circa 4.300 donne che si sono rivolte ai Pronto Soccorso dell’azienda. Un percorso virtuoso che le accompagna dall’arrivo al triage fino alla dimissione, con il coinvolgimento di diverse realtà: Centri anti violenza, Forze dell’ordine, Amministrazioni comunali e Consultori.

La Stanza rosa, inaugurata alla presenza di numerose autorità, rappresenta un importante passo avanti nella tutela e nel supporto di chi ha subito violenze, offrendo un ambiente sicuro e accogliente per le prime cure e l’avvio di un percorso di sostegno personalizzato, un contesto più sicuro e riservato alle donne vittime di violenza e ai minori che le accompagnano. Qui potranno non solo ricevere le cure mediche necessarie, ma anche trascorrere la notte in un ambiente più confortevole e protetto.

Nel disegno affisso su una parete della Stanza, oltre a tre parole fondamentali, amore, rispetto e libertà, sono raffigurati i volti di due donne e un papavero rosso, simbolo che i promotori dell’iniziativa coordinati dalla dr.ssa Catia Morellato, medico del Pronto Soccorso diretto dal dr Michele Diamanti e referente aziendale a tutela delle vittime di violenza, hanno scelto per ricordare il loro impegno sul tema.

“Inaugurare anche in ospedale a Montebelluna un ambiente di prima accoglienza delle vittime di violenza è il segno tangibile dell’efficace rete di collaborazione tra Istituzioni e comunità, realizzata per contrastare insieme la violenza di genere. Ringrazio la dr.ssa Morellato per l’impegno profuso e tutti coloro che hanno supportato l’iniziativa”, le parole del direttore generale, Francesco Benazzi.

La Stanza Rosa è stata realizzata anche grazie alla generosità di molti cittadini che hanno creduto in questo progetto, organizzando eventi e raccolte fondi nel territorio, creando importanti sinergie: Claudia Vedelago, Garbujo Rappresentanze, Francesca Brotto, Lucrezia Pivato e Alexia Luz del Lions Club Vedelago Palladium, Loredana e Antonia parrucchiere, Monica Borsato, Gallo pubblicità, gli studenti e gli insegnanti del Liceo Giorgione, Serena Barban dell’agriturismo “Dal Moro”, Ballan Garden Center. Importante il sostegno dell’Amministrazione Comunale e della Commissione Pari Opportunità di Castelfranco Veneto che hanno messo a disposizione gratuitamente il Teatro Accademico per lo spettacolo di raccolta fondi “Scioperina”.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio