martedì, 16 aprile 2024
Meteo - Tutiempo.net

Cinque anni di Consultorio, con e per le famiglie

Il Centro della Famiglia di Treviso ha celebrato oggi l’anniversario. 1.900 utenti da tutta la provincia di Treviso e oltre 13.500 prestazioni erogate per dare risposta ai bisogni di famiglie, genitori, adolescenti e bambini

Cinque anni di attività del Consultorio familiare del Centro della Famiglia di Treviso. A fine novembre del 2018, infatti, il consultorio di via San Nicolò, uno dei pochissimi di tipo socio-sanitario privati a livello regionale, veniva ufficialmente inaugurato. Il Consultorio, nato per volontà del Centro della Famiglia di Treviso al fine di offrire una risposta organica e appropriata alle esigenze crescenti delle famiglie di oggi in tutte le loro fasi di vita, anche su sollecitazione degli amministratori locali del territorio, si è inserito con originalità e spirito integrativo e collaborativo nel welfare locale. Con numeri che si sono andati di anno in anno consolidando, attraversando anche il periodo pandemico, il Consultorio del Centro della Famiglia è diventato un punto di riferimento nel territorio, provinciale e non solo, per l’erogazione di servizi di consulenza psicologica e psicoterapia, assistenza sanitaria, psichiatrica e sociale rivolti alla persona e alla coppia. Numerosissimi anche gli interventi educativi ed informativi nelle scuole – oltre 1.900 ore di formazione nel lustro di attività –, nelle parrocchie e con le amministrazioni comunali. Il Consultorio Familiare di Treviso offre servizi di accompagnamento e assistenza lungo tutto il ciclo di vita di una persona, dalla psicoterapia clinica – individuale, di coppia e familiare – alle consulenze educativo-genitoriali anche in presenza di specifiche necessità (Dsa, Bes, mediazioni familiari, logopedista), dai servizi per l’età evolutiva al Centro di Neuropsicopatologia del Ciclo di Vita (Ce.Ne.Psi), passando per il Percorso Famiglia Fertile in collaborazione con l’Ulss 2 Marca Trevigiana. A questi si aggiunge poi il servizio di formazione rivolto anche a scuole, Amministrazioni Comunali e parrocchie su tematiche quali l’educazione affettiva e sessuale, la comunicazione e la gestione dei nuovi media e il bullismo. Il consultorio opera attraverso un’équipe multidisciplinare di specialisti – psicologi, psicoterapeuti, assistenti sociali, ginecologi e andrologi, ostetriche, ma anche psichiatri, logopedisti e altre professioni – composta attualmente da 24 professionisti, un team che è andato negli anni ad aumentare fino a raddoppiare. In 5 anni di attività, dal 2019 al 2023, sono oltre 13.500 le prestazioni fornite nei vari ambiti di intervento, rispondendo ai diversi bisogni manifestati dall’utenza nel corso del tempo. Osservando in dettaglio quelle fornite solo nell’ultimo anno, pari a un totale di 3.147 prestazioni, che vede una crescita dei servizi dell’Area età adulta, più di un terzo sono relative alla psicoterapia individuale per gli adulti e a quella di coppia (in totale 1.157), ma risultano in crescita anche le consulenze psichiatriche e i servizi dell’Area Fertilità, che raggiungono quota 280, la più alta dell’ultimo lustro. Sono invece 1.914 gli utenti unici che hanno usufruito dei servizi del Consultorio dal 2019 al 2013 – 362 solo nell’ultimo anno –, con una media di 287 nuovi accessi ogni anno. Sono 2.190 in totale e 494 nel solo 2023 gli utenti che hanno usufruito di sconti e agevolazioni sulle tariffe dei servizi attraverso la presentazione della certificazione Isee o usufruendo del fondo diocesano Guarnier. Per fotografare l’ultimo anno di attività, per quanto riguarda i servizi per l’età adulta, i problemi prevalenti rilevati sono quelli legati al sonno (20%), di depressione (19%), ossessivo/compulsivi (17%), di comunicazione nella coppia (16%) e problemi psichici e d’ansia, che coprono in maniera equivalente il restante 28%. In riferimento invece all’Età Evolutiva, la richiesta di intervento riguarda per il 34% i disturbi internalizzanti (Disturbi del Comportamento Alimentare, ossessivo-compulsivi, dell’umore, di adattamento e da panico), per il 19% quelli esternalizzanti (Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività, Disturbo Oppositivo-Provocatorio e Disturbo della Condotta), mentre in percentuali più basse il sostegno genitoriale, il disturbo della personalità, i Disturbi Specifici dell’Apprendimento, del Linguaggio, dello Sviluppo della Coordinazione Motoria e le disabilità intellettive; in percentuali ancora più contenute, meno del 5%, disturbi neurologici e sindromi genetiche, disturbi della personalità e disturbi dello specchio autistico. L’età media degli utenti dell’Area Adulta – compresa tra i 18 e gli 80 anni – si attesta per il 50% nella fascia 41-60 anni, seguita dalla fascia 18-30 anni che invece copre il 25%. La fascia di età più rappresentata degli utenti dell’Area Evolutiva – da 0 a 17 anni – è invece quella compresa tra i 5 e i 10 anni, seguita dalla fascia 11-14 anni, in grande crescita negli ultimi due anni insieme alla fascia dei 15-17 anni. In aumento anche l’età media dei genitori degli utenti dell’Area Evolutiva: nel 2023 più della metà (53%) ricade nella fascia compresa tra i 41 e i 60 anni, seguita dalla fascia 31-40 (37%). Per quanto riguarda la provenienza dell’utenza, gli accessi avvengono per la maggior parte dal capoluogo trevigiano e dai comuni limitrofi, ma anche da tutta la provincia e, in piccola parte, da fuori provincia. In crescita nell’ultimo anno la percentuale di utenti dell’Area adulta provenienti da oltre 50 chilometri di distanza, che raggiungono la soglia del 5% sul totale.

“Il Consultorio nasce dall’ascolto delle richieste delle famiglie, quelle trevigiane in particolare ma non solo, e dall’esperienza di 50 anni di accompagnamento alle relazioni, di formazione, di promozione della dimensione sociale della famiglia all’interno della comunità che è fulcro del Centro della Famiglia. Da qui la presa in carico dei bisogni delle famiglie lungo tutto l’arco di vita e nell’ampiezza delle loro sfide. Alla complessità delle diverse situazioni familiari cerchiamo di rispondere con un approccio sistemico-familiare grazie a un lavoro interdisciplinare, in cui i vari professionisti si confrontano e si aiutano a vicenda nel sostenere difficoltà, speranze e aspirazioni delle persone, delle coppie, dei genitori, dei ragazzi e dei giovani e delle famiglie nel loro insieme. Per farlo serve aprirsi a tutti i livelli del mondo istituzionale e di rappresentanza del nostro territorio. Perché sempre più servono politiche per la famiglia, impegno condiviso per la costruzione del sociale comunitario e non solo utilitaristico, azioni che mettono in moto il benessere delle persone e dei nuclei familiari, che supportino la loro formazione e crescita e che contribuiscano alla natalità” ha detto don Francesco Pesce, presidente del Centro della Famiglia di Treviso. “Il tempo del Covid, che avevamo sognato ci avrebbe reso più solidali, ha marcato invece nuove solitudini e acutizzato quelle già esistenti”.

Ha aggiunto il direttore del Consultorio Familiare Adriano Bordignon. “Con l’impegno del nostro Consultorio, che affianca il sistema pubblico, vorremo contribuire a dare una risposta di comunità alle solitudini personali e familiari e alle tensioni sociali che stanno esponenzialmente affiorando e che segnano anche il nostro territorio. Ci sono sempre più persone e famiglie che oggi cercano un sostegno, un aiuto qualificato, per affrontare le difficoltà quotidiane, le complessità di una società disgregata, per trovare uno spazio identitario di serenità e partendo dalla situazione che stanno vivendo non mancare al loro progetto di vita. Tutto questo si rivela indispensabile anche al fine di prevenire momenti più critici o ferite più dolorose, che impatterebbero a livello sociale, occupazionale e anche sanitario”.

“Sono già trascorsi quattro anni da quando ci siamo trovati per fare il bilancio del primo anno del Consultorio: i primi passi sono pieni di promessa e di slancio. Espressione di una Chiesa in uscita – secondo l’indicazione continua e costante di Papa Francesco – il Consultorio del Centro della Famiglia è uno dei luoghi della nostra Chiesa dove riusciamo ad incontrare le persone nelle loro esigenze e bisogni, e dove le fragilità della vita diventano occasione di incontro, di cura e di crescita – . ha affermato il vescovo di Treviso mons. Michele Tomasi – Tramite il Consultorio ci si è attivati subito fin dall’inizio dell’emergenza Covid per offrire un sostegno qualificato alle famiglie, che continua in condizioni sociali e di vita di relazione che continuano a cambiare, e pongono sempre nuove sfide alle persone ed alle famiglie. È un modo competente ed umanamente attento affinché nessuno si debba sentire solo, abbandonato ed escluso e perché la famiglia possa tornare sempre di nuovo ad essere luogo di relazioni vitali e di accoglienza di ogni persona, di tutta la persona. Fin dalla nascita del Consultorio, la Diocesi sostiene, tramite il Fondo Guarnier, le persone e le famiglie per accedere ai servizi del Consultorio, riconoscendo che le famiglie sono un bene per la società e per la Chiesa. Le famiglie non sono un problema, ma una risorsa da sostenere e attivare, secondo il principio di sussidiarietà, affinché possano esprimere al meglio il loro ruolo di generare, sviluppare e far fiorire relazioni libere e liberanti. Il servizio del Consultorio diventa così anche espressione di partecipazione alla vita pubblica e contributo al bene comune, uno dei soggetti di quel privato sociale che contribuisce in modo alla vita di tutta la collettività, e che per questo va incoraggiato e sostenuto anche dalle istituzioni.”

“Celebriamo un primo importante traguardo per un presidio condiviso e voluto fortemente per la nostra comunità”, le parole del sindaco Mario Conte. “Ringrazio il Centro della Famiglia per aver portato avanti questo progetto che sostiene le famiglie e che garantisce vicinanza e supporto alla persona, puntando sull’ascolto e sulla capacità di indirizzare l’utente nella rete di servizi cittadini. Al consultorio prende vita un modello di “fare sociale” che condividiamo e supportiamo, basato sulla condivisione ma anche su un aiuto tangibile che permette di riconoscere le fragilità ma soprattutto di accompagnare il cittadino in tutte le fasi della sua vita, con grande umanità e professionalità”.

“Rinnoviamo il protocollo già firmato alcuni anni fa con il Centro della Famiglia, per lavorare in stretta collaborazione al fine di superare la denatalità e supportare le coppie che desiderano diventare genitori. Grazie all’impegno del Centro in sinergia con i Consultori Familiari dell’Ulss 2, con il progetto Percorso Famiglia Fertile accompagniamo le coppie nel cammino di ricerca di una gravidanza, offrendo loro un importante supporto psico-medico-educativo”, il commento del direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi.

“Il lavoro del Consultorio del Centro della Famiglia è fondamentale specie per quando riguarda il rapporto coi Comuni, tanto è vero che l’abbiamo inserito nei nostri Piani di Zona. Penso a progetto fondamentali come quello per il contrasto al cyberbullismo, il supporto nella tematica dell’affido e quello alla fertilità. I Comuni hanno un capitolo dedicato al sociale e ottenere risultati è possibile soltanto lavorando in sinergia con tutti gli attori del territorio, come appunto il Consultorio” commenta la Presidente della Conferenza dei Sindaci Ulss 2 Marca Trevigiana, Paola Roma.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio