Miranese

Nessun privilegio per il parroco di Salzano, nessuna astuzia. Il vaccino gli "spettava" in quanto presidente della locale casa di riposo, come ha spiegato egli stesso in un post su Facebook: Sono presidente e legale rappresentante della casa di riposo, ci passo parecchio tempo dentro. È una protezione per gli ospiti, per il personale e per me".

Celebrazione con il vescovo Michele Tomasi e battesimo per la giovane che non aveva potuto ricevere il sacramento lo scorso 22 novembre a San Nicolò con gli altri catecumeni poiché sottoposta a quarantena

A causa di seri problemi sulle travature portanti, l'edificio è chiuso da agosto e i fedeli sono costretti a emigrare nella chiesa di Stigliano per partecipare alla messa e alle funzioni religiose. Probabilmente anche a Natale

Il blocco ospedaliero, di cinque piani più il tetto, era in disuso da una decina d’anni: gli Alpini hanno provveduto a rimuovere vecchi arredi, impianti e pannellature, sistemare i serramenti, ripristinare le piastre delle coperture (che sono state impermeabilizzate) e ripulire le facciate. Il primo piano adesso è operativo, mentre per gli altri si attende a giorni il completamento degli arredi: a regime l’edificio potrà ospitare 150 pazienti.

In vista del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza nei confronti delle donne, la città si mobilita grazie all'arte, al diritto e alla dolcezza e raccoglie fondi per il centro Antiviolenza Sonia

Giornata di piena operatività per la "postazione tamponi mobile" dell'Ulss 3 Serenissima. Il camper attrezzato ha visitato, nella sola mattinata di ieri quattro scuole nel Distretto di Mirano-Dolo, e la squadra di sanitari e di amministrativi che si muove con esso ha sottoposto a tampone una settantina di studenti delle scuole primarie e secondarie del territorio.

La rassegna del "Marzo organistico", sospesa in primavera, si svolgerà nel mese di ottobre: ogni sabato un concerto. Una scelta importante per un festival che festeggia venticinque anni di attività musicale

Tante le realtà di cui è stato protagonista: dall’Azione cattolica al movimento degli studenti universitari, dall’impegno politico alla formazione culturale che lo ha portato a fondare a Noale l’associazione Innovamentis. Prima ancora, aveva portato in Veneto l'associazione Ol3, di cui era presidente regionale e tramite essa aveva promosso corsi di dottrina sociale, i percorsi "Ol3 Immischiati".

Non sarà un’estate orfana di eventi e di occasioni culturali quella dei comuni del Miranese. Le Pro Loco del Decumano, infatti, dopo aver dovuto rinunciare ad alcuni degli eventi che richiamano sul territorio centinaia di migliaia di visitatori, non si danno per vinte e hanno messo a punto un ciclo di incontri sulla cultura veneta.

Ospedali aperti alle donne, con visite senologiche, per l’osteoporosi, ginecologiche e dermatologiche: la settimana dal 13 al 18 luglio è segnata dagli appuntamenti gratuiti nel quadro dell’(H)Open Week per la salute al femminile organizzato ogni anno da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

Si tratta di quattro nuove assegnazioni (in via Pirandello e in via Magnani) e una mobilità (in via Marco Polo), per un totale di 5 alloggi di tipologia Erp (Edilizia residenziale pubblica). I quattro nuovi inquilini dell’Ater sono persone sole, residenti singoli che hanno partecipato all’ultimo bando comunale per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Questa mattina è stata inaugurata la teca verde contenente un defibrillatore, ad accesso pubblico, in piazza Berti; contemporaneamente sono stati attivati un altro DAE a Olmo di Maerne e un terzo a Maerne.
Si completa così la rete di defibrillatori voluti dall’Azienda sanitaria in tutti i Comuni di sua competenza.

“Un evento memorabile - ha detto il parroco don Artemio Favero durante l’omelia - non solo per chi abbiamo salutato senza una preghiera, ma anche perché siamo qui, diversi anche nelle fedi e nelle idee, per vivere un momento di fraternità, nella piazza che è stata avanguardia di umanità e sacrificio”.

Il mese di maggio, tradizionalmente, riunisce adulti e bambini nella preghiera del rosario serale davanti ai tanti capitelli delle nostre vie e colmelli. Quest’anno, data l’impossibilità di radunarsi, seppure in piccoli gruppi, per pregare assieme, nella parrocchia di Scorzè è stata sperimentata e vissuta l’esperienza dei “capitelli virtuali”.

 L’Urologia dell’Ospedale di Dolo ha ricominciato ad operare nella sua sede nella mattinata odierna, mercoledì 3 giugno, dopo il periodo di circa due mesi in cui ha svolto la sua attività all’Ospedale di Mirano, mentre l’Ospedale di Dolo ha ricoperto un ruolo importante nella emergenza Covid-19.

Dopo essersi laureata in Medicina e Chirurgia all’Università di Firenze, si specializza in Igiene e Medicina Preventiva. E’ dipendente dal 2000 dell’Usl 10 di Firenze, confluita nel 2016 nella Usl Toscana Centro, una delle aziende sanitarie più grandi di Italia, con una rete di 13 ospedali e circa 14.000 dipendenti. Ha lavorato nella Direzione Sanitaria aziendale e nel Coordinamento Donazioni e Trapianti ed è stata responsabile dell’Educazione alla salute.

Conoscenti e familiari, da sempre, lo chiamano “Roccia”. E, in effetti, almeno due volte nella sua lunga vita ha dimostrato di esserlo. Nonno Bruno Muffato, 92 anni, noalese, è davvero un eroe: ha combattuto con i partigiani e ha sconfitto il Covid-19, appena un paio di settimane fa.

Nato 86 anni fa a Martellago, entrato nella Congregazione dei Saveriani, ordinato sacerdote nel 1960, padre Corrado Stradiotto è stato missionario in Indonesia dal 1967 al 1975 e poi richiamato in Italia, fino al 2015, ha svolto il compito di economo generale della Congregazione e superiore della Casa Generale a Roma. 

A rendere onore alle vittime era presente la sindaca di Spinea Martina Vesnaver, con agenti della Polizia locale. Molti i sentimenti di affetto e vicinanza ai bergamaschi espressi sui social da oltre un migliaio di spinetensi. “La città di Spinea - ha commentato l’Amministrazione - è partecipe alle necessità e al dolore che sta attraversando il nostro Paese da settimane. Li accompagni il nostro pensiero, soprattutto chi non ha potuto avere nemmeno un estremo saluto”.

Luca Barbacane, medico di medicina generale, ha dovuto vivere in isolamento. Ora il ritorno al lavoro, e i consigli ai pazienti. "In ambulatorio oggi viene il 10% delle persone che ci venivano prima. Ma da questa crisi potrebbero uscire anche dei frutti buoni. Questa è una buona occasione perché medici e pazienti si rendano conto che alcune cose possono essere gestite, almeno in prima battuta, in maniera indiretta, al telefono o via internet".

L’opera completa, intitolata “Vegnarà sera, vegnarà doman - Storia e memoria di Olmo”, è stata dedicata dall’autrice ai giovani di oggi e di domani perché amino il paese in cui vivono e contribuiscano a migliorarlo.

Sarà Gianluca Libertucci, uno degli “organisti del Papa”, ad aprire l’edizione numero 25 del “Festival internazionale Marzo organistico” promossa nella chiesa parrocchiale di Noale nei sabati del prossimo mese. E a chiuderla sarà l’organista titolare di Notre Dame, Olivier Latry (nella foto).

Una cinquantina di queste lettere sono entrate in un libro che si chiama, appunto, “Lettere dalla missione”, in uscita nei prossimi giorni a cura dell’editrice San Liberale di Treviso, e che sarà presentato sabato 15 febbraio, alle 16.30, nella chiesa parrocchiale di Salzano.

In occasione del 150° della nascita, la comunità parrocchiale ha pensato di rappresentare due momenti straordinari della sua vita di fanciulla, prima schiava, poi libera, con un’opera della pittrice Luisa Danesin.

Completato il restauro della “Via Crucis” acquistata da don Giuseppe Sarto. Sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020 i fedeli di Salzano hanno potuto ammirare nella chiesa parrocchiale i quadri delle 14 stazioni che ne hanno ornato le pareti dal 1874 al 1952, prima di essere sostituite dai bassorilievi in terracotta attualmente presenti.

la comunità civile ha scelto di rendere omaggio a una donna che ha segnato la vita sociale e politica locale del secolo scorso. Lunedì 6 gennaio, infatti, la sala polivalente al piano terra della Filanda Romanin-Jacur è stata intitolata a Maria Cariolato, sindaco del Comune di Salzano dal 1960 al 1970, prima donna a ricoprire tale carica nella provincia di Venezia e personalità di spicco della vita salzanese.

Presepi protagonisti a Spinea, Caselle di Santa Maria di Sala, Noale, Mestre e Venezia grazie alla nuova edizione della rassegna “I presepi nella terra dei Tiepolo”. Per il quinto anno, quella che per 10 edizioni è stata “100 presepi a Spinea” allarga ancora una volta i propri spazi.