Pregheremo per i tanti missionari inviati nel mondo e invieremo altri fratelli e sorelle agli “estremi confini”: don Mauro Montagner nella nostra missione diocesana di Fianga, in Ciad, padre Siro Opportuni in Brasile, padre Danilo in Ecuador, le sorelle Discepole del Vangelo Gianna Bordignon, Michela Simonetto e Francesca Quintè in Albania

Attraverso le assemblee indette sul territorio dalle sigle di categoria Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm, con il 97% dei consensi degli oltre 9mila votanti i metalmeccanici trevigiani hanno avvallato la piattaforma unitaria per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. Il 5 novembre parte a livello nazionale la trattativa con le controparti.

Caritas Siria è presente ad Hassake, dove sta allestendo dei centri di accoglienza per circa 700 persone ed ha distribuito acqua potabile a 500 famiglie in 14 centri. Da una prima valutazione emergono i seguenti bisogni: serbatoi di acqua per i centri di accoglienza, acqua potabile, cibo, materiale per igiene personale, latte per bambini, materassi, coperte, materiale sanitario.

Tre le proposte per questa stagione che comincia, di domenica, con “Una fetta di teatro”: 24 appuntamenti per bambini e famiglie proposti da 15 diverse compagnie teatrali dal 20 ottobre al 26 aprile 2020. Altri due appuntamenti saranno dedicati alle scuole.

Paesi & Città

Ne hanno parlato a Treviso, i vertici della struttura sanitaria fornendo dati aggiornati sulla dinamica dell’incidenza della malattia sul territorio negli ultimi 20 anni e presentando altre iniziative di contrasto al fenomeno e di supporto alle persone che stanno vivendo l’esperienza in prima persona o attraverso propri familiari.

Successivamente al sit-in spontaneo dei lavoratori del polo assicurativo di Preganziol, ieri mercoledì 17 ottobre ha avuto luogo l’incontro tra i vertici di Previmedical Spa e la rappresentanza sindacale. Per Nadia Carniato, segretaria generale della Filcams Cgil di Treviso “l’Azienda si è aperta a una fase di dialogo con il sindacato. Quello di ieri è un punto di partenza della trattativa".

Il 12 giugno 1867, a un anno dal passaggio del Veneto all’Italia, in seguito alla Terza guerra d’indipendenza, il Consiglio provinciale di Treviso deliberò di fondare un Istituto tecnico provinciale, nell’intento di promuovere la scolarizzazione italiana combattendo le ampie sacche di analfabetismo, sviluppare le Istituzioni superiori (Licei, Istituti tecnici, Università) e contribuire al progresso economico e sociale della Nazione.

Firmata oggi la cessione dei terreni allo IOV da parte dell’Ulss 2 Marca trevigiana. Il nuovo edificio della Radioterapia sorgerà vicino al monoblocco dell’Ospedale e sarà costituito da quattro “bunker” e locali  accessori al piano terra, con una superficie complessiva di oltre 3.000 metri quadrati.