venerdì, 12 luglio 2024
Meteo - Tutiempo.net

Verso le Europee/4. Chiellino (Stati Uniti d’Europa): “Semina e visione, pensando al futuro”

A Gabriella Chiellino, imprenditrice con esperienze politiche alle spalle, il coraggio non è mai mancato. Poco più che venticinquenne, allora esponente del Partito popolare, salì sul palco della trevigiana piazza dei Signori, assieme a Romano Prodi, nel 1996. Ha avviato una riuscita attività imprenditoriale in campo dell’ingegneria ambientale, fondando eAmbiente group, di cui è presidente.
04/06/2024

A Gabriella Chiellino, imprenditrice con esperienze politiche alle spalle, il coraggio non è mai mancato. Poco più che venticinquenne, allora esponente del Partito popolare, salì sul palco della trevigiana piazza dei Signori, assieme a Romano Prodi, nel 1996, in campagna elettorale, invitando i giovani a votare Ulivo. Più tardi, ha sfidato la “corazzata” del centrodestra, a Conegliano, guidando, poi, l’opposizione. Sempre in ambito politico, era pronta a contendere a Luigi Brugnaro la poltrona di sindaco di Venezia, ipotesi poi tramontana. Nel frattempo, ha avviato una riuscita attività imprenditoriale in campo dell’ingegneria ambientale, fondando eAmbiente group, di cui è presidente. Un’attività in linea con i suoi studi. Nel 1994 è stata la prima laureata in Italia in Scienze ambientali dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, diventando, negli anni successivi, anche docente in questo e in altri atenei italiani. “Lavorando - dice - i sogni si realizzano. E i semi buoni non si dimenticano. Nel mio caso, si chiamano Mino Martinazzoli e Romano Prodi”. A 54 anni (è nata a Pordenone il 21 marzo 1970), Chiellino si candida per la lista Stati Uniti d’Europa, frutto dell’intesa tra Italia Viva di Matteo Renzi e + Europa di Emma Bonino, insieme ad altri soggetti minori.

Per quale idea di Europa lavorerà? Per una maggiore integrazione europea o no, di fronte alle sfide epocali che ci interpellano?

La lista, non a caso, si chiama Stati Uniti d’Europa, fa riferimento a questo ideale, non tanto a leader di partito. Serve un’Europa più forte, finora le questioni strategiche, come difesa, energia, agricoltura, sono state appaltate alle altre “potenze”. Il sogno è quello degli Stati Uniti d’Europa, un nome coraggioso e forte, che vuol essere una scommessa sul futuro, dice la volontà di seminare bene, nella direzione giusta. E’ quello che vorrei portare al Parlamento europeo, se eletta: semina e visione, assieme a trent’anni di competenze. Difesa, sanità, indipendenza energetica, lavoro, futuro dei giovani, inclusione, sono tutti temi che chiedono un ruolo più forte dell’Europa, cui abbinare una maggiore attenzione ai territori.

Quale sarà la sua priorità, se eletta, nell’impegno di eurodeputata?

Mi spenderò, anzitutto, per i temi sui quali ho accumulato esperienza, in particolare l’ecologia integrale e la sostenibilità. Spesso si tratta di temi affrontati in modo astratto o ideologico, invece, si tratta di questioni che sono, insieme, economiche e ambientali, a cominciare dall’energia. Tecnologia, scienza, rispetto della Casa comune, devono andare di pari passo, ci dev’essere un’integrazione. Concretamente, serve, per esempio, una semplificazione delle normative europee, e per privilegiare investimenti sulle tecnologie innovative la priorità è quella di “calare a terra” l’ecologia integrale. Su questo, ritengo di avere la giusta esperienza e competenza da portare in Europarlamento.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
04/07/2024

Un “manifesto programmatico”

Ricordo che due sposi mi dissero che a loro il nuovo vescovo è subito piaciuto...

06/06/2024

Si tratta, da parte nostra, di un importante diritto-dovere civico, perché, per molti aspetti, è in gioco...

TREVISO
il territorio