venerdì, 12 luglio 2024
Meteo - Tutiempo.net

L’iniziativa: Cmb sostiene la transizione di artigianato e commercio

Le aziende del territorio sono alle prese con investimenti necessari sul versante digitale e green. CentroMarca Banca ha presentato un plafond a condizioni e tassi favorevoli, collaborando con le associazioni di categoria per supportare le imprese del territorio

Una sinergia già collaudata nel passato, con ottimi risultati, e ora riproposta allo scopo di accelerare la transizione digitale e green delle piccole e medie imprese del Trevigiano. E’ stata quella presentata da CentroMarca Banca a Treviso, martedì 18 giugno, nella propria sede di via Selvatico, con Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, e con le sue articolazioni mandamentali di Confartigianato Imprese Treviso, Confartigianato Imprese AsoloMontebelluna e Confartigianato Imprese Castelfranco, con Unione provinciale Confcommercio, Ascom-Confcommercio mandamento di Treviso e i relativi Consorzi Collettivi di Garanzia Fidi, Cofidi Veneto e Fidimpresa sezione di Treviso.

Per sostenere le aziende negli investimenti necessari a questo processo non più dilazionabili nel tempo, CentroMarca Banca mette a disposizione un plafond pari a 20 milioni di euro complessivi a supporto delle imprese che sosterranno investimenti 4.0 e sostenibilità.

Le risorse a disposizione verranno destinate in modo specifico alle oltre 15 mila aziende socie delle associazioni imprenditoriali.

Un plafond a condizioni e tassi favorevoli che, in qualche modo, è collegato ai finanziamenti agevolati della Regione Veneto “Veneto Innovazione”, nello specifico al Fondo Veneto Competitività che prevede la possibilità di ottenere un contributo a fondo perduto fino al 18% e un finanziamento fino al 50% a tasso zero.

Tali finanziamenti sono rivolti a investimenti in beni strumentali materiali e immateriali in tema di innovazioni di prodotto e/o innovazioni di processo, con dotazione di tecnologie 4.0 volte ad aumentare la produttività delle imprese, oltre a sostenere investimenti a favore della transizione verso forme di produzione a minore impatto, energetico e ambientale, e a sostegno dell’economia verde e circolare.

Possibilità interessanti per gli imprenditori che vanno fatte conoscere, spiegate e agevolate con una specifica consulenza, quella che offre la banca.

“Riteniamo che l'innovazione sia un motore fondamentale per la crescita economica. Questo plafond è progettato per sostenere le imprese che desiderano espandersi e innovare, migliorando la loro efficienza operativa e la loro capacità di competere a livello globale, e per supportarle nell’accesso al mondo della finanza agevolata - commenta Claudio Alessandrini,direttore generale di Cmb -. Crediamo che un approccio integrato all'innovazione e alla sostenibilità possa creare nuove opportunità di mercato e favorire lo sviluppo di soluzioni tecnologiche all'avanguardia. In questo senso si conferma fondamentale la rinnovata sinergia con Confartigianato, Confcommercio e con Confidi, che già ci ha visti insieme protagonisti di varie operazioni a favore del nostro tessuto produttivo. Siamo fiduciosi che, insieme, possiamo costruire un futuro migliore per le generazioni presenti e future”.

“Associazioni, banche e Confidi insieme per offrire soluzioni e risposte rapide ed efficaci alle imprese che raccolgono la sfida della transizione. Una partnership virtuosa, un esempio concreto di sinergia e di vicinanza al territorio - ha sottolineato Oscar Bernardi, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana -. Ora assieme ai finanziamenti si devono condividere i criteri applicativi per evitare che le Pmi subiscano parametri, condizioni non tarati sulla loro dimensione dato che si tratta di credito di vantaggio. La pratica della sostenibilità reale riduce il profilo di rischio delle aziende che la applicano. Per questo il loro fare virtuoso deve essere riconosciuto e premiato”. Parole di apprezzamento per la proficua collaborazione arrivano anche dal presidente di Confartigianato Imprese Treviso, Ennio Piovesan: “A costo di essere ripetitivi esprimo un grande grazie a CentroMarca Banca da parte di tutto il settore artigiano. Il rapporto con gli istituti di credito non è mai facile per una piccola o micro impresa, ma le relazioni che abbiamo con Cmb sono di partnership e di ottima collaborazione. Al di là dei fondi stanziati, per noi fondamentali per continuare a crescere e rimanere nel mercato, la parte davvero importante di questo progetto è nella consulenza e nel supporto personalizzato alle imprese”.

Il Sistema Confcommercio tutto, tramite l’Unione provinciale Confcommercio, Fidimpresa, l’Ascom-Confcommercio mandamentale di Treviso appoggia questa iniziativa di CentroMarca Banca, dimostrando di voler rafforzare la collaborazione col mondo bancario. “Come Sistema, non possiamo che ringraziare la Banca per questa opportunità di credito rivolta alle micro e piccole imprese. Il credito è il passe-partout per affrontare il futuro e gli asset abilitanti passano proprio dalla transizione digitale ed ecologica, dai processi di economia circolare e per questo garantiamo il massimo impegno nel supportare le imprese”, commenta Dania Sartorato, presidente dell’Unione provinciale Confcommercio. “Le nostre imprese ci chiedono risposte e azioni specifiche per cogliere le opportunità di investimento e restare nel mercato”, ribadisce Federico Capraro, presidente di Ascom-Confcommercio del mandamento di Treviso.

Soddisfazione è stata espressa anche dai Confidi.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
04/07/2024

Un “manifesto programmatico”

Ricordo che due sposi mi dissero che a loro il nuovo vescovo è subito piaciuto...

06/06/2024

Si tratta, da parte nostra, di un importante diritto-dovere civico, perché, per molti aspetti, è in gioco...

TREVISO
il territorio