sabato, 25 maggio 2024
Meteo - Tutiempo.net

Terraglio est, via libera al secondo stralcio, fino alla tangenziale

L’infrastruttura permetterà di collegare il casello autostradale di Preganziol sulla A4 e la Tangenziale di Treviso fino al casello di Silea sull’A27, intercettando, così, i mezzi pesanti provenienti dalle aree industriali di Dosson e Casier, oltre al traffico transitante nell’area dei comuni a sud di Treviso

È stata pubblicata la gara, a cura di Veneto Strade, braccio operativo della Regione, per la progettazione e realizzazione del secondo stralcio del “Terraglio Est” per un valore complessivo di oltre 38 milioni di euro, finanziati con Fondi per lo sviluppo e la coesione e risorse regionali.

“Un’opera che rappresenta un nodo strategico per la viabilità regionale, grazie alla quale si andrà a sgravare dal traffico una delle arterie principali per il tessuto produttivo del territorio, quale il Terraglio, con il riassetto del quadrante a sud di Treviso – ha dichiarato il presidente del Veneto, Lua Zaia –. È in corso uno sforzo davvero importante da parte della Regione per tracciare una strategia di sviluppo infrastrutturale di medio-lungo periodo per il futuro del Veneto, a servizio di cittadini e imprese, in modo da contribuire alla crescita economica della nostra Regione”. L’opera, come è noto, vista con favore dalle Amministrazioni comunali interessate, è invece contestata da numerosi cittadini, riuniti in un comitato.

“L’infrastruttura permetterà di collegare il casello autostradale di Preganziol sulla A4 e la Tangenziale di Treviso fino al casello di Silea sull’A27, intercettando, così, i mezzi pesanti provenienti dalle aree industriali di Dosson e Casier, oltre al traffico transitante nell’area dei comuni a sud di Treviso – ha spiegato la vicepresidente e assessora alle Infrastrutture e Trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti –. Si tratta del completamento di un intervento più esteso, il cui primo stralcio è stato realizzato nel 2017 da Veneto Strade, ed è attualmente in esercizio. Dei 3.300 metri di infrastruttura stradale, 1.700 saranno realizzati adeguando il tratto esistente, a partire dall’incrocio con via Alta fino al confine comunale tra Casier e Treviso, mentre 1.600 metri su nuovo sedime stradale, con una corsia per senso di marcia, fino all’innesto con la S.R. 53 Tangenziale Sud di Treviso. Su questo tratto è prevista la realizzazione di due rotatorie: la prima, per risolvere l’accesso all’area industriale, la seconda, in corrispondenza dell’incrocio con via Pasteur, sarà funzionale anche ad una zona direzionale di prossima realizzazione. Inoltre, è prevista la costruzione di due sottopassi stradali: il primo per dare continuità al transito dei mezzi agricoli, mentre il secondo per risolvere un’interferenza con la viabilità comunale già esistente”.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio