Castellana

Diciotto seminaristi, due aspiranti Figlie della Chiesa e quattro novizie delle Discepole del Vangelo hanno raccontato le proprie storie, le vie stra-ordinarie per cui è passata la loro vocazione; hanno ascoltato i dubbi di fede dei giovani, le esperienze di vita degli anziani; hanno prestato servizio alla Caritas cittadina, visitato gli ammalti nelle case; conosciuto le realtà più importanti in ambito sociale del territorio, tra cui il centro Atlantis e il centro anziani Domenico Sartor.

Si tratta di dare una opportunità settimanale ai genitori in dolce attesa per un incontro multidisciplinare e visitare i luoghi che accoglieranno mamma e papà oltre ai nascituri. Dopo due date sperimentali per capire l’efficacia dell’iniziativa dal prossimo ogni 2° sabato del mese, dalle ore 10,00 alle 12,00, i genitori potranno incontrare varie figure professionali dell’ospedale.

Arrivano alcune novità per i servizi al turismo della città di Castelfranco. Prima fra tutte la riapertura dell’Ufficio informazioni e assistenza turistica che, in attesa dell’ultimazione dei lavori per la sistemazione dello stabile destinato ad accogliere in via definitiva il punto informativo, verrà attivato e aperto al pubblico al museo Giorgione. Dove verrà avviato anche un originale "aperitivo".

Ad aprire il sesto centenario “sulle strade di fede insieme a Maria”, è stata la solenne celebrazione eucaristica presieduta domenica scorsa da mons. Gianfranco Agostino Gardin, vescovo emerito di Treviso, e al pomeriggio la rappresentazione all’istituto salesiano e la processione dei bambini e dei genitori fino al santuario.

Apertura della crisi alla Berco Spa e stato di agitazione per i 229 dipendenti del sito produttivo di Castelfranco Veneto. Questo è uscito dall’incontro del 4 febbraio tra Berco Spa e le Sigle trevigiane dei Sindacati dei metalmeccanici Fiom Cgil e Fim Cisl e dibattuto nel corso delle assemblee dei lavoratori di questa mattina e che vede la richiesta di cassa integrazione ordinaria.

Comincia a Castelfranco il tour di presentazione di “Protection4Kids”, ong che si occupa di vittime di tratta, fondata da Annachiara Sarto.

E’ preziosa, per la fotografia scattata e per gli spunti di riflessione proposti, l’ultima ricerca sulla popolazione anziana a Castelfranco, realizzato dalla Cooperativa sociale Incontro con l’agenzia di statistica Sinodè srl in collaborazione con il Comune e il Centro anziani Domenico Sarto, nell’ambito del progetto “La rete che cura”.

Sarà una ristrutturazione che riporterà all’antico splendore l’abside e la cupola sotto l’altare del santuario del Caravaggio a Fanzolo. I lavori di restauro degli affreschi e gli interventi di miglioramento sono iniziati la scorsa settimana e si concluderanno in un paio di mesi al massimo.

Dopo il successo delle prime sette edizioni, torna la rassegna al Teatro Accademico ideata e programmata dal Conservatorio Agostino Steffani, patrocinata dalla Provincia di Treviso in collaborazione con il Comune di Castelfranco e pensata come un appuntamento destinato a tutta la Marca trevigiana. Otto date da gennaio a maggio, per altrettanti incontri con la musica classica.

A ideare e realizzare il servizio è stato il centro Atlantis insieme alla farmacia «Due Angeli» di Treville: l’intenzione, fin dall’inizio, era quella di coinvolgere persone disabili con buone potenzialità da sviluppare nelle relazioni sociali, perché recuperassero le ricette a casa di anziani soli e impossibilitati a muoversi per poi portarle in farmacia e recuperare i medicinali da consegnare.

Sarà un anno di eventi, di celebrazioni e di riti, il 2020, per il santuario. Il brano musicale colma una lacuna. A farsene carico, dopo qualche mese di lavoro, il maestro Renzo Simonetto, che ha scritto il testo della preghiera e l’ha musicata con il supporto dell’organista Giovanni Campello. 

Il primo stralcio degli interventi sarà concluso entro l'estate 2020, in modo da consentire al deposito di entrare in piena operatività con l'esercizio invernale (settembre 2020). Il costo delle opere è di 1 milione 546 mila euro. Mom lascerà in disponibilità al Comune di Castelfranco l'area in ex Foro Boario, via Noè Bordignon.

Oltre quindici incontri, un questionario per la popolazione anziana, tre quartieri coinvolti e altrettante associazioni. Sono i primi passi mossi dal progetto “La rete che cura”, realizzato dalla cooperativa sociale L’Incontro in collaborazione con il Comune di Castelfranco e il centro anziani Domenico Sartor.

Si accende il Natale nella Castellana. Tante le iniziative messe in calendario dalle amministrazioni comunali del territorio, a partire da Castelfranco, che per il quinto anno consecutivo propone i mercatini “Sotto le mura”.

Una petizione firmata da oltre 600 persone su un paese che ne conta un migliaio (aventi diritto a sottoscrivere raccolte firme). E’ quella presentata in questi giorni dagli abitanti di Spineda al sindaco Matteo Guidolin per “salvare” a scuola elementare a rischio chiusura, a causa delle condizioni strutturali e del basso numero di alunni.

La condivisione della prossimità. Parole difficili, di significato profondo a volerle guardare oltre il velo della superficie. Parole che hanno guidato l’assemblea convocata domenica scorsa per l’apertura del nuovo anno con tutti gli operatori pastorali della collaborazione di Castelfranco che ormai riunisce 7 parrocchie, da quando lo scorso anno si sono aggregate Treville e Sant’Andrea oltre Muson.

Il grande Gerry Johansson, fotografo svedese che ha mostrato al mondo le sue città in relazione al rapporto con chi le vive, e Guido Guidi, maestro che dal Whitney Museum di New York al Centre Pompidou di Parigi ha solcato con le sue immagini i più importanti spazi espositivi a livello globale, hanno inaugurato le loro due mostre personali che rappresentano il fulcro della rassegna P=S+N (Paesaggio, Soggetto, Natura).

Firmata oggi la cessione dei terreni allo IOV da parte dell’Ulss 2 Marca trevigiana. Il nuovo edificio della Radioterapia sorgerà vicino al monoblocco dell’Ospedale e sarà costituito da quattro “bunker” e locali  accessori al piano terra, con una superficie complessiva di oltre 3.000 metri quadrati.

Senza i donatori, non c’è sangue! E senza sangue, la sanità si ferma! Al Centro trasfusionale dell’ospedale di Castelfranco, come a quello di Montebelluna, va dato tutto l’appoggio possibile perché la raccolta di sangue e plasma non rallenti, ma anzi aumenti. Lo hanno detto forte e chiaro, riuniti in teatro Accademico per la “65ª Giornata del donatore”, vertici dell’associazione e medici.

Una nuova sede più spaziosa, funzionale e confortevole per ospiti e volontari del Centro sollievo di Vedelago gestito dall’associazione Asav. E’ stata inaugurata la scorsa settimana nei locali di via Toniolo, all’interno del Distretto socio sanitario, messa a disposizione dal Comune grazie a un accordo con l’Ulss 2.

Domenica 1° settembre ritorna, dopo l'assenza lo scorso anno, il Palio a Castelfranco, l'antico gioco del pallone, e nel weekend dell'8-9 l'affascinante fiera medievale.

Il monitoraggio avrà una durata di circa 80 giorni, cioè fino a metà novembre 2019 in un periodo che coprirà parte del semestre caldo e parte del semestre freddo dell’anno 2019. Questa modalità consentirà di disporre di un’informazione ambientale indicativa della variabilità annuale che vede tipicamente alcuni inquinanti, come il Pm10.

La radioterapia di Castelfranco sarà dunque realizzata sulla base di uno studio di fattibilità redatto dall’istituto oncologico che gode di un finanziamento di 7,3 milioni, con il parere favorevole della commissione regionale per gli investimenti in tecnologia ed edilizia.