domenica, 14 aprile 2024
Meteo - Tutiempo.net

Zero branco a sostegno alla musicoterapia

Tutto esaurito al “Comisso” per lo spettacolo di Andrea Fratellini

Ha vinto ancora una volta la solidarietà, grazie all’iniziativa dell’associazione La musica di Angela di Zero Branco. Con l’auditorium Comisso di villa Guidini tutto esaurito, domenica scorsa, la onlus che promuove attività di musicoterapia - in particolare nelle corsie d’ospedale della pediatria - ha infatti dato ancora una volta dimostrazione di saper coinvolgere il territorio, che ha risposto “presente”.

Protagonista - anzi, protagonisti - della serata Andrea Fratellini, il vincitore di Italia’s got talent 2020 insieme al suo iconico pupazzo Zio Tore.

“Trop secret show” il titolo dello spettacolo, che si è confermato come un vero e proprio viaggio straordinario nel mondo della comicità e della ventriloquia, arricchito da nuovi pupazzi, scenografie vibranti e scene esilaranti. Andrea Fratellini, noto per la sua versatilità e creatività, ha trasportato il pubblico attraverso un’esperienza coinvolgente e unica, dove risate e magia si fondono in un mix irresistibile. Il tutto per una causa più grande: i proventi raccolti, pari a complessivi 1.500 euro circa, saranno devoluti dall’associazione La musica di Angela onlus per sostenere progetti e iniziative di musicoterapia. Questa forma di terapia utilizza la musica come strumento per promuovere il benessere psicofisico e migliorare la qualità della vita di persone affette da diverse condizioni, dalla disabilità al disagio emotivo.
Grande soddisfazione da parte del direttivo dell’associazione, presieduta da Franco Dell’Anna, che assieme alla moglie Barbara Stefani e a numerosi volontari porta avanti instancabilmente le progettualità dell’associazione. Questa, che a dicembre 2024 arriverà a 10 anni di attività, è nata per volontà di Franco e Barbara, in ricordo della loro figlia Angela, affetta da paralisi celebrale infantile causata da una grave anossia perinatale (ossia sopraggiunta un po’ prima del parto) e mancata a 10 anni di età. Da una storia caratterizzata da sofferenza e allo stesso tempo amore quotidiano, ne è nata un’altra, che continua a moltiplicare solidarietà e a generare speranza.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio