martedì, 20 febbraio 2024
Meteo - Tutiempo.net

A The Space Cinema i cortometraggi realizzati dagli studenti delle Canossiane

L’importante progetto cinematografico ha coinvolto quattro classi (100 ragazzi) del Liceo dell’indirizzo delle Scienze umane a specializzazione teatrale e cinematografica

Un importante progetto cinematografico ha coinvolto quattro classi (100 studenti) del Liceo dell’indirizzo delle Scienze umane a specializzazione teatrale e cinematografica dell’istituto Canossiano di Treviso. Il progetto, finanziato da un bando del Piano nazionale cinema e immagini per la scuola indetto dal Ministero dell’Istruzione con 63.000 euro, è iniziato lo scorso gennaio e ha previsto un percorso di analisi critica di un film, tenuto dalla critica e giornalista Elena Grassi, e la visione guidata di 2 film su temi del contrasto al bullismo e dell’educazione alla legalità. Nei mesi di ottobre e novembre si è concluso il progetto con un percorso di produzione di quattro cortometraggi (30 ore per classe) con il supporto registico e tecnico di Restera Produzioni (Davide Stefanato e Jgor Barbazza) e Offi-cine venete (Cristina Magoga e Stefano Pesce), due case di produzione che da anni lavorano nel territorio.

Quest’ultima parte si è sviluppata in una fase di pre-produzione (ideazione, stesura concept, trattamento, storyboard, script, regia); una fase di vera e propria produzione (recupero materiali e costumi, trucco, lezioni di recitazione, studio delle riprese, studio delle luci, conoscenze di audio/presa diretta); e una fase di post-produzione (lezioni di editing, soundtrack, sonorizzazione e sound design, doppiaggio, color correction, grafiche e titolazioni).

I quattro cortometraggi inerenti al tema del contrasto del bullismo e dell'educazione alla legalità intitolati: “Attila e Melissa”, “La vita delle altre”, “Respira”, e “Chaos” sono stati ambientati a scuola e in città e sono stati supportati dalla troupe tecnica di Federico Bordin e Alessandro Antico di Azura Studio e Giovanni Schievano (sound designer), Enzo Procopio (video maker), i quali hanno insegnato ai ragazzi i segreti del mestiere.

Della produzione del film parlano Jgor Barbazza e Davide Stefanato (Restera Produzioni): “I ragazzi, carichi di energia, si sono attivati fin da subito per poter dare del loro meglio alla creazione dei film. Il risultato ha portato alla realizzazione dei cortometraggi in cui emergono sensibilità e capacita notevoli degli allievi”. Secondo Cristina Magoga e Stefano Pesce (Offi-cine Veneto), “I ragazzi hanno dimostrato molto interesse, sognando un giorno una carriera nel mondo del cinema. Per ora studiano, ma hanno potuto toccare con mano un settore professionale poco conosciuto nella nostra città”.

Sabato 25 novembre si è tenuta la Prima dei cortometraggi a The Space cinema di Silea, alla presenza delle istituzioni . Saranno, poi, diffusi agli studenti di altre scuole del territorio. All’evento ha partecipato l’Aassessora alle Politiche Educative, Giovanili e Pubblica Istruzione, Gloria Sernagiotto.

Evento singolare è stato l’invito da parte di uno studente di quinta Liceo al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la conseguente chiamata al telefono al Preside dalla Segreteria del Quirinale, con i ringraziamenti per l’invito.

Soddisfatto il preside, Stefano De Marchi: “I temi trattati sono all’ordine del giorno, specie nella nostra città, e far riflettere i ragazzi su queste tematiche è molto importante come prevenzione. In aggiunta, i ragazzi, armati di buona volontà e tanta creatività, hanno messo in pratica ciò che hanno imparato a lezione e si sono cimentati in un set dal vivo rendendosi conto di quanto studio, passione e lavoro ci siano dietro a un cortometraggio. Mi auguro che in futuro qualcuno possa anche orientarsi in questo settore”.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio