sabato, 25 maggio 2024
Meteo - Tutiempo.net

Caracciolo a Treviso per parlare di “L’Italia nel mondo che cambia”

Il prossimo 15 maggio alle 18, nella chiesa di San Teonisto, si tiene l’incontro pubblico “L’Italia nel mondo che cambia”.

Il prossimo 15 maggio alle 18, nella chiesa di San Teonisto, si tiene l’incontro pubblico “L’Italia nel mondo che cambia”, a cui interverranno Lucio Caracciolo, fondatore e direttore di Limes, Fabrizio Maronta, responsabile redazione e relazioni internazionali di Limes, e Massimiliano Valerii, direttore generale del Censis.

Tra i temi che verranno trattati: una panoramica dell’attuale momento internazionale con l’ausilio della cartografia di Limes; le implicazioni geoeconomiche e tecnologiche dei principali fronti aperti, in particolare il conflitto ucraino e la “guerra commerciale” Cina-Stati Uniti; cause e conseguenze dell’acuta problematica demografica italiana, con le sue implicazioni per il futuro del Paese.

A promuovere l’incontro, a ingresso libero con prenotazione su Evenbrite, sono Fondazione Imago Mundi, Arper, CentroMarca Banca e Scuola di Limes, che danno avvio, con questo appuntamento, alla partnership “L’Italia nel mondo che cambia” volta al sostegno di giovani desiderosi di approfondire conoscenze e competenze nell’ambito della geopolitica. Infatti, Imago mundi, Cmb e Arper hanno destinato 15.000 euro a sostegno di tre giovani, provenienti dal Trevigiano, iscritti alla Scuola di Limes. I destinatari sono stati selezionati dalla Scuola di Limes tra quelli già iscritti al corso, sulla base del Curriculum vitae già trasmesso in fase di iscrizione.

La collaborazione tra Fondazione Imago Mundi, Arper, CentroMarca Banca e Scuola di Limes proseguirà nei prossimi mesi, con l’obiettivo di esplorare nuove opportunità e progettare insieme nuove iniziative. La volontà è quella di allargare la collaborazione ad altre realtà del mondo imprenditoriale e culturali che siano convinti che “nell’attuale contesto internazionale, in cui i confini politici tra gli Stati non sono sufficienti a delineare interessi e aree di influenza, diventa sempre più difficile distinguere intrecci e reti di relazioni. In tale frangente, l’analisi geopolitica, così come viene promossa dalla Scuola di Limes, aiuta a dare un senso all’apparente caos che ci circonda, introducendo un elemento di riflessione e di ponderazione in un dibattito pubblico spesso dominato dall’emotività e dalla compulsione mediatica”.

“Con questa collaborazione Fondazione Imago Mundi intende confermare il proprio impegno nel raccontare la geopolitica attraverso l’arte contemporanea - afferma il direttore artistico Enrico Bossan -, e ampliare il proprio network di relazioni, proponendo nuove prospettive sui temi cruciali del nostro tempo”.

Claudio Feltrin, chairman of the Board di Arper, commenta: “Credo che investire nella cultura, nella formazione e nell'istruzione sia fondamentale per il progresso sociale ed economico della nostra comunità; come Arper, siamo entusiasti di collaborare con altre aziende locali per investire nelle giovani menti e promuovere una visione condivisa di cambiamento positivo attraverso la conoscenza e la comprensione del mondo che ci circonda.”

“La partnership pone al centro della propria mission, i giovani, ai quali CentroMarca Banca riserva da sempre una particolare attenzione, con investimenti e progetti orientati al loro benessere, alla loro crescita, alla realizzazione delle loro idee – commenta il presidente di CentroMarca Banca, Tiziano Cenedese -. Facciamo già molte iniziative per gli studenti qui, nel nostro territorio, con questa partecipiamo a un’attività formativa di altissimo livello”.

Fondazione Imago Mundi è un’istituzione non profit che nasce nel 2018 come evoluzione della collezione Imago Mundi, avviata da Luciano Benetton nel 2008, e si propone come nuovo catalizzatore di espressioni artistiche e di fermenti culturali in un mondo altamente interconnesso. Il filo rosso della ricerca della Fondazione è il racconto della complessità, stimolante e articolata, dei nostri tempi attraverso l’arte contemporanea. Da sei anni la Fondazione ha la sua casa alle Gallerie delle Prigioni, a Treviso, che sono sede di mostre, incontri, dibattiti, volti a favorire il dialogo tra le culture e le contaminazioni tra saperi diversi.

Arper è un brand di design globale che crea prodotti per ogni stile di vita. Fondata in Italia nel 1989 dalla famiglia Feltrin, offre attraverso soluzioni e prodotti empatici e duraturi, una prospettiva del modo di vivere contemporaneo, che esprime bisogni di fluidità e versatilità. L'azienda vede il design attraverso la lente di the project of living, un approccio strategico che esplora l'applicazione di arredi versatili che si adattano perfettamente a tutte le diverse attività quotidiane e ai molti spazi in cui le svolgiamo.

La sostenibilità svolge un ruolo centrale per Arper, che mira a diventare un esempio di leadership di business responsabile, integrando la sostenibilità nella cultura dell’organizzazione, oltre che nei processi e nei prodotti.

CentroMarca Banca, fondata nel 1892, ha alle spalle una lunga storia, fatta di unioni con altre Casse Rurali e Crediti Cooperativi della provincia di Treviso e Venezia che hanno permesso di accompagnare nella crescita numerose famiglie e imprese del territorio. CMB è soprattutto una Banca differente per valori, per modo di operare, per approccio alla persona e alla collettività. Come Credito Cooperativo sostiene associazioni ed enti locali reinvestendo parte degli utili nel territorio in cui opera. CMB inoltre è orientata a guidare la trasformazione del cambiamento sostenibile e socialmente inclusivo dei modelli di sviluppo della propria comunità locale.

La Scuola di Limes fornisce le basi per comprendere come ragionano e decidono le principali potenze mondiali, per capire le loro strategie e tattiche nelle partite in corso. Trasmette un modo alternativo di osservare il mondo. Sempre a partire dall’interesse nazionale italiano. La Scuola di Limes è aperta a ogni fascia d’età. Si divide in classe iunior e classe senior. Si selezionano laureandi, neolaureati, giovani lavoratori, dirigenti pubblici e privati, imprenditori, funzionari dello Stato, docenti, professionisti, operatori della finanza. La geopolitica è multidisciplinare per natura. Anche la composizione delle classi lo è, per attingere alla gamma più ampia possibile di saperi. La Scuola è aperta a chiunque abbia interesse e passione per il suo approccio, per gli affari di Stato, per la proiezione internazionale delle aziende italiane.

Mercoledì 15 maggio, ore 18

“L’Italia nel mondo che cambia”

Incontro pubblico con Lucio Caracciolo, Fabrizio Maronta, Massimiliano Valerii

Chiesa di San Teonisto

Via San Nicolò 31, Treviso

Ingresso libero con prenotazione su Eventbrite

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio