mercoledì, 15 maggio 2024
Meteo - Tutiempo.net

Il Del Monaco omaggia Puccini e Malipiero

Presentate mercoledì 6 settembre, alla presenza del pubblico, la stagione lirica e quella concertistica con titoli di assoluto richiamo

Un programma di medio-alto livello, il meglio che si è potuto fare con la cronica carenza di risorse economiche. Così il maestro Stefano Canazza, direttore artistico, ha definito la stagione lirica e concertistica del teatro Mario Del Monaco, presentata mercoledì 6, sul palco del teatro, alla stampa, ma anche a un numeroso pubblico di appassionati che si era prenotato. La carenza di risorse c’è, in tutti i settori, ha confermato il sindaco Mario Conte, che però ha voluto sottolineare: “Si parla, giustamente, spesso di tutela ambientale, ma io ritengo si debba parlare anche di tutela sociale. E una persona la tuteli con la cultura, con lo sport e con il sociale. Per chiudere il bilancio, all’appello per il Comune di Treviso mancano 10 milioni di euro”. Che non saranno tolti a cultura, sport e sociale, perché “questi non sono costi, sono investimenti”. Casomai aspetterà qualche lavoro pubblico, “ma poi non venite a lamentarvi per il marciapiede rotto...”, dice ai presenti il sindaco. In compenso, il prossimo anno verrà rifatta la facciata esterna del teatro. Pubblico che è più interessato “a fare le pulci” al programma: una sola data per il jazz, solo 3 opere liriche... “Vogliamo crescere, piano piano, arrivare ad avere almeno 4 titoli operistici perché così potremo avere anche maggiori finanziamenti dal Fus”, il fondo unico per lo spettacolo, rassicura il maestro Canazza che elenca quanto ricevuto in quest’ultimo anno: “Come teatro di tradizione abbiamo ricevuto tre anni fa 370.000 euro e quest’anno 469.681, con un aumento di quasi 100.000 euro”. La volontà, per crescere, è quella di intercettare anche finanziamenti da altri enti e dall’imprenditoria locale, già in parte presente. Dalla Regione Veneto è giunto un contributo per l’omaggio a Malipiero, a 50 anni dalla scomparsa. Crescendo, si potrà anche dare spazio a qualche sperimentazione, alla musica pop di alto livello...

Venendo al programma, sono dieci gli appuntamenti in cartellone, tre opere, sei concerti e una matinée per le scuole, che vanno a integrare il cartellone di prosa “Tutta un’altra storia”. Con cui si spera di aumentare il numero di abbonati della scorsa stagione che sono stati 459 per la lirica, 119 per la concertistica, per un totale di 7.000 spettatori e 160.000 euro di incassi. Su richiesta specifica dell’Amministrazione comunale, non è stato aumentato il prezzo del biglietto o dell’abbonamento, proprio perché sempre più persone possano godere ed emozionarsi ascoltando buona musica. Come quella che si è sentita provenire dal violino del giovanissimo Vikram Francesco Sedona, vincitore del 32° Concorso per violino Città di Treviso, che ha introdotto la presentazione del cartellone e che sarà uno dei protagonisti della stagione concertistica.

Il cartellone lirico

L’inaugurazione della stagione 23/24 del teatro comunale Mario Del Monaco è affidata a una delle opere più rappresentate e amate dal pubblico di sempre, La Bohème, in programma il 27 e il 29 ottobre, uno dei due titoli omaggio a Puccini a 100 anni dalla scomparsa. Il capolavoro di Puccini torna in scena a Treviso con un nuovo allestimento che vede una co-produzione tra Comune di Treviso - Teatro Mario Del Monaco, Comune di Padova e Comune di Rovigo, Bepi Morassi alla regia e Alvise Casellati alla direzione dell’Orchestra di Padova e del Veneto. Ambientata a Parigi intorno al 1830, La Bohème racconta la storia d’amore della ricamatrice Mimì e del poeta Rodolfo, impegnati ad affrontare le difficoltà di una vita povera con spirito di avventura, finché la realtà non finisce per schiacciarli.

Grande novità della stagione, l’appuntamento dedicato ai più piccoli del 3 novembre con Malèfici, musical per famiglie dedicato a un pubblico a partire dai 4 anni, su testo di Dario Vergassola, che per la prima volta approda al teatro ragazzi, e la produzione di fondazione Aida/I Muffins. Un doppio appuntamento per le scuole e per le famiglie, con l’obiettivo di proseguire sulla strada della promozione del teatro e delle arti performative tra le nuove generazioni, e che dà seguito al sempre più vivo interesse manifestato dal pubblico trevigiano per questo genere di rappresentazioni.

L’8 e il 10 dicembre il Del Monaco accoglierà Il barbiere di Siviglia, nuova co-produzione di Comune di Treviso - Teatro Mario del Monaco e Comune di Padova, che vedrà alla regia, scene e costumi Paolo Giani Cei e Giuliano Carella alla direzione dell’Orchestra di Padova e del Veneto. Dopo un debutto decisamente non fortunato, questa è forse la sola opera di Rossini che non ha avuto bisogno di essere “riscoperta”: freschezza, brillantezza e ritmo incalzante hanno fatto sì che questo titolo sia apprezzato ancora come uno dei capisaldi del repertorio comico del belcanto.

Terzo appuntamento con il melodramma per il 9 e l’11 febbraio 2024, con Tosca, titolo scelto dal Teatro Del Monaco per celebrare i 100 anni dalla morte di Giacomo Puccini. L’opera, tra le più celebri e amate del compositore toscano, sarà portata in scena da Ivan Stefanutti. In una Roma cupa e stretta nella morsa di uno Stato della Chiesa repressivo e bigotto, l’amore sincero e appassionato tra la cantante Floria Tosca e il pittore Cavaradossi trova un avversario feroce nel perfido e sanguinario barone Scarpia che, abusando del proprio potere, cercherà in ogni modo possibile di separare i due, dando il via a una spirale di morte dalla quale neppure lui troverà scampo.

La stagione concertistica

Il cartellone dei concerti, che quest’anno presenta una novità sull’orario anticipando l’inizio dalle ore 20.30 alle ore 20.00, si apre il 21 novembre con l’Omaggio a Gian Francesco Malipiero, appuntamento inserito tra le attività celebrative promosse dalla Regione del Veneto in occasione dei 50 anni dalla scomparsa del compositore veneziano, che proprio a Treviso moriva il 1° agosto 1973. Realizzato in collaborazione con l’Orchestra di Padova e del Veneto – che per l’occasione ospiterà il talento di Alessandro Taverna al pianoforte – il concerto proporrà al pubblico trevigiano alcune tra le più importanti pagine sinfoniche del corpus del Maestro. Il concerto si inserisce in una più ampia progettualità realizzata grazie al contributo della Regione Veneto, che porterà alla realizzazione di un’incisione dell’integrale delle sinfonie di Malipiero. Il 23 dicembre torna l’appuntamento con il Concerto di Natale, quest’anno affidato al Virginia State Gospel Choir, tra i cori più premiati del panorama statunitense. Fondato nel 1971 e composto da giovani musicisti laureati alla Virginia University e da solisti di altissimo livello, per un totale di 30 elementi, il concerto proporrà brani tratti dal repertorio Gospel, Spiritual, Soul e Rythm&Blues, in perfetta atmosfera prenatalizia. Tra i numerosi appuntamenti di quest’anno, il Virginia State Gospel Choir sarà protagonista della XXXI edizione del Concerto di Natale in Vaticano 2023.

L’anno nuovo vedrà Anna Tifu, una delle più straordinarie violiniste della scena internazionale, per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Mario del Monaco. Il 20 febbraio 2024 con il Recital violino e pianoforte, la musicista italo-rumena, accompagnata al pianoforte da Giuseppe Andaloro, sarà impegnata in un programma incentrato su alcuni capolavori della letteratura violinistica del russo Sergej Prokof’ev e del norvegese Edvard Grieg.

La stagione continua poi il 7 marzo con il Recital Pianistico di Arcadi Volodos, considerato uno dei migliori pianisti al mondo, noto per il suo repertorio virtuosistico e le sue strabilianti abilità tecniche. Il concerto metterà a confronto brani di Franz Schubert, Robert Schumann e Franz Liszt, di cui l’artista russo è uno dei più grandi interpreti. Deciso cambio di passo per il successivo appuntamento. Il 19 marzo il Maestro Filippo Faes e il Quartetto di Cremona porteranno al Del Monaco le tipiche atmosfere della musica francese fin de siècle con il concerto Belle Époque.

A concludere la stagione 23/24 sarà invece il Concerto sinfonico dell’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta guidata da Massimo Raccanellii, il 23 aprile. Un concerto dedicato alla grande musica romantica che darà luce al talento del giovanissimo violinista Vikram Francesco Sedona, vincitore assoluto del 32° Concorso per violino Città di Vittorio Veneto.

Un ultimo appuntamento fuori abbonamento si terrà, infine, il 25 maggio con il concerto clou della decima edizione della manifestazione Treviso Suona Jazz Festival promossa dall’associazione Urbano Contemporaneo, che intende celebrare la musica jazz come simbolo di unione e libertà di espressione.

Assieme alla stagione lirica e concertistica, riprendono anche gli appuntamenti di “Oltre la scena”, che, con le conferenze di presentazione delle opere, le anteprime per le scuole (500 studenti lo scorso anno, conferma Canazza) e gli aperitivi Off, continua i festeggiamenti per i suoi 10 anni, oltre agli incontri di introduzione ai concerti che animeranno la sala del Ridotto 45’ prima dell’apertura del sipario.

Vendita abbonamenti e biglietti Lirica e Concertistica

 in biglietteria del Teatro e online (anche quelli in prelazione)

Dal 7 settembre al 30 settembre: prelazione per il rinnovo degli abbonamenti della Stagione 22/23 e vendita nuovi abbonamenti sui posti liberi (non in prelazione).

Dal 3 ottobre al 14 ottobre vendita abbonamenti su tutti i posti ancora disponibili.

Dal 17 ottobre vendita biglietti.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio