sabato, 25 maggio 2024
Meteo - Tutiempo.net

Primo maggio, evento diocesano a Silea: scelte responsabili nella direzione del bene comune

“Quanto costa?” è stata la parola chiave risuonata nell’intervento del vescovo di Treviso, Michele Tomasi, all’evento diocesano per la festa del 1° maggio svoltasi nel centro parrocchiale di Silea (Treviso). Non il “dio denaro”, ma scelte responsabili che vadano nella direzione del bene comune, al di là del loro costo. L’evento ha promosso anche quest’anno la Festa dei Lavoratori con musica, danze (quest’anno a cura di “Punto Danza”) e testimonianze dal mondo del lavoro

“Quanto costa?” è stata la parola chiave risuonata nell’intervento del vescovo di Treviso, Michele Tomasi, all’evento diocesano per la festa del 1° maggio svoltasi nel centro parrocchiale di Silea (Treviso). Non il “dio denaro”, ma scelte responsabili che vadano nella direzione del bene comune, al di là del loro costo. L’evento ha promosso anche quest’anno la Festa dei Lavoratori con musica, danze (quest’anno a cura di “Punto Danza”) e testimonianze dal mondo del lavoro. Hanno organizzano l’ufficio diocesano di Pastorale sociale e del lavoro, la Fondazione Opera Monte Grappa, le Acli, l’associazione Famiglie 2000. Hanno collaborato il Comune di Silea e la parrocchia di San Michele Arcangelo.

“Dovremmo imparare a scegliere e insegnare a scegliere - ha detto tra l’altro il Vescovo -. Non sentire il desiderio di qualcosa solo perché si guadagnano più soldi. Dovremmo aiutarci tutti a creare un mondo dove il sogno di qualcosa di costruito, di bello, di buono, di desiderabile, anche se costa un’infinità di soldi, lo faccio perché è buono e desiderabile. Quanto costa una politica che ci faccia uscire dall’inverno demografico? Bisogna aiutare le famiglie a mettersi insieme, ad avere un progetto di vita, ad avere una possibilità di futuro, a credere che sia meglio mettere al mondo dei figli piuttosto che no. Quanto costa un sistema sanitario e quanto un missile intercontinentale? Non voglio essere ingenuo, viviamo in un mondo in cui servono armi a difesa dei più fragili. Ma la scelta è quanto investire sull’uno o sull’altro. Il denaro non diventi un idolo a cui chiediamo di darci la vita. Solo la persona risorge per la vita che ha vissuto, e porta con sé quello che ha seminato, non i soldi che ha avuto”.

Il tema è stato “Il lavoro è partecipazione”. Tra i testimoni un medico, un’assistente sociale, una docente di scuola dell’infanzia, un imprenditore, una famiglia e un rappresentante delle Acli. Tutti i testi che hanno introdotto le canzoni erano tratti dal messaggio dei Vescovi italiani per la Festa dei lavoratori del 1° maggio, che ha per titolo “Il lavoro per la partecipazione e la democrazia”, un tema che richiama la prossima Settimana sociale dei cattolici italiani che si svolgerà a Trieste dal 3 al 7 luglio. “Le testimonianze degli ospiti sono state molto significative”, sottolinea don Paolo Magoga, coordinatore dell’iniziativa, nonché direttore dell’Ufficio di Pastorale sociale e del lavoro. “Si è sentito dalla viva voce dei testimoni intervenuti che il lavoro chiede non solo di essere sfiorato, come le dita su uno schermo o una tastiera, ma di avere le “mani in pasta”. Mani che si sporcano, che si feriscono, che plasmano il mondo. Contro le tentazioni della tecnologia o dell’intelligenza artificiale, il lavoro, l’artigianato sono le forme per rendere più umano questo mondo”.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio