sabato, 25 maggio 2024
Meteo - Tutiempo.net

San Trovaso ricorda don Mario Bortoletto a 15 anni dalla morte. Domenica 10 marzo, la comunità parrocchiale di San Trovaso si riunirà in festa in sua memoria con la celebrazione solenne di una messa presieduta da padre Silvano Zoccarato

l 9 marzo 2024 ricorre il 15° anniversario della morte di don Mario Bortoletto che trascorse ben 42 anni della sua esistenza nel Camerun, come sacerdote missionario fidei donum di Treviso.

Il 9 marzo 2024 ricorre il 15° anniversario della morte di don Mario Bortoletto che trascorse ben 42 anni della sua esistenza nel Camerun, come sacerdote missionario fidei donum di Treviso.

Il suo corpo ora riposa nella chiesa parrocchiale di Ma’an, edificio ecclesiastico da lui progettato e costruito nel Paese africano. Questa fu una delle sette chiese da lui erette durante il lungo periodo trascorso in Camerun, all’insegna della missione e dell’evangelizzazione.

Domenica 10 marzo, la comunità parrocchiale di San Trovaso si riunirà in festa in sua memoria con la celebrazione solenne di una messa presieduta da padre Silvano Zoccarato (sacerdote che collaborò per 32 anni in Camerun con don Mario), il fratello don Bruno e il cugino don Daniele Bortoletto, parroco di San Trovaso.

La cerimonia si svolgerà alle ore 10 nella chiesa parrocchiale e al termine, sempre in suo ricordo, si condividerà un pranzo tutti assieme in oratorio, organizzato dalla locale associazione Noi.

Al fine di intraprendere l’inchiesta diocesana per la beatificazione del nostro caro fratello e pastore è in atto da parte della neocostituita associazione “Amici di don Mario Bortoletto” la domanda di accoglimento dell’associazione da parte della diocesi di Treviso.

Don Mario Bortoletto nasce a Padernello il 17 maggio 1938, da una famiglia di origine contadina.

Nell’ottobre 1950 entra nel Seminario vescovile di Treviso, dove frequenta la scuola media inferiore e il Liceo classico: viene ordinato sacerdote il 1° settembre 1963 a Treviso e nominato cappellano a Croce di Musile di Piave, dove rimane fino al 1966.

La “Convenzione triangolare” (diocesi di Treviso, Pime, diocesi di Sangmelima, in Camerun), firmata il 20 novembre 1966 segna l’inizio dell’esperienza missionaria di Ambam: è a quella missione che, nella celebrazione di invio del 29 giugno 1967, viene inviato don Mario insieme a don Angelo Santinon; entrambi si imbarcano a Genova il 5 novembre dello stesso anno per arrivare ad Ambam il 17 dicembre.

Don Mario vivrà tutta la sua vita in Camerun: dal 1968 al 1981 nella zona di “Ntem-Ayat”; dal 1987 al 1989 a Meyo-Centre e Mbam-Essobam per concludere a Ma’an dal 1989 fino al 2005, anno nel quale la parrocchia è affidata a un sacerdote camerunense.

Don Mario rimane in Camerun, si associa al Pime e continua la sua opera nella periferia della capitale, Yaoundè. Il 14 febbraio 2009, dopo una visita a una donna ammalata, rientrando a piedi, scivola e si frattura il femore.

La settimana successiva viene rimpatriato in Italia per essere operato. I medici constatano una fibrosi polmonare: viene operato al femore, ma, durante la ripresa post-intervento, la malattia ha il sopravvento: dopo 2 giorni in camera di rianimazione, il 9 marzo 2009 muore in ospedale, a Treviso.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio