domenica, 14 aprile 2024
Meteo - Tutiempo.net

«Fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te»

La storia di Boubakar, 27 anni, originario del Gambia, fra i primi a intervenire nel disastro del pullman a Mestre.

La tragedia del bus a Mestre ha certamente toccato gli animi, ma come sempre succede le notizie cessano prima o poi di far notizia. Nei media resta in piedi la questione dell’accertamento delle responsabilità, cioè se sia possibile trovare un colpevole: quindi l’autopsia, le perizie sul guardrail, sul parapetto, e via dicendo. Provo ad aggirarmi in quel “cimitero”, assolutamente silenzioso, delle notizie, quelle che hanno cessato di fare notizia, rovistando di qua e di là, nella convinzione, ingenua, di trovare qualcosa di prezioso, qualcosa che valga la pena di tenere, di conservare. Ed ecco, spunta un nome: Boubakar, 27 anni, originario del Gambia. Abita nei pressi del cavalcavia, è a casa quando il bus cade, sente il boato ed esce. E’ uno dei primi soccorritori, aiuta a estrarre una persona ancora viva, si dà da fare con un estintore per arginare il fuoco. Il Corriere online riprende una breve intervista video fatta il giorno dopo: due minuti, in un italiano incerto. Alla domanda sui giornali che lo definiscono eroe, Boubakar non mostra i muscoli, ma dice che prima lui è stato salvato dagli italiani, quando è stato raccolto da un barcone, quindi prosegue nella sua logica tutt’altro che incerta, è venuto il momento di poter dare una mano.

Una reinterpretazione, quella di Boubakar, della regola aurea: «Fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te». Ma mi sembra commovente quel “prima”, quella precisazione, come a dire: prima che io possa salvare qualcuno, sono stato salvato. Non dimentica Boubakar. Il soccorso ricevuto, l’esperienza di cura, diventa educazione del cuore e delle mani, generatrice di un legame di fiducia con gli altri. Avessero questa forza semplice i nostri percorsi educativi: dare una testimonianza-eredità che contribuisca a crescere persone capaci di tradurre il “per me” in un “per te, per voi”. Se non sbaglio, mi sembra che tanto tempo fa Qualcuno abbia detto: Amatevi come io vi ho amati.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio