Postumia

Lunedì mattina Ospedaletto si è svegliata senza la statua della Madonna di Lourdes. Sono state alcune donne ad accorgersi per prime, sono quelle che premurosamente si accostano al luogo per controllarne l’ordine e le pulizie.

Nell’archivio della chiesa, i pievani di allora, don Poletta e don Novello, riportano varie note al riguardo e nei registri anagrafici dei defunti non manca la segnalazione del primo cittadino colpito dalla peste. Anche allora vi furono molti divieti imposti dalle autorità, per evitare il diffondersi del contagio.

Tutto nasce tre anni fa, quando in classe arriva un’alunna non vedente. E’ stata la molla che ha fatto scattare l’idea di progettare qualcosa che potesse agevolare la vita a lei e a tante altre persone con simili difficoltà. L’iniziativa è stata inserita dalla scuola di Paese nel progetto Girls Code it Better, nato per ridurre le disparità di genere in area scientifica.

Due anni fa, nella collaborazione, su sollecitazione del settore adulti dell’Azione cattolica, è sorto un gruppo denominato “@pensatoio sociopolitico”, con l’intento di tenere aperta la riflessione e l’attenzione delle comunità parrocchiali sulle questioni inerenti la società e la politica. Quest’anno viene proposta una riflessione sul tema della denatalità, si inizia lunedì 20 gennaio.

Questa esperienza è giunta alla quarantesima edizione, un anniversario speciale che viene celebrato sabato 11 e domenica 12 gennaio nelle sale parrocchiali di Padernello, con una mostra storica con le fotografie delle varie annate e con materiali vari – tende, sacchi a pelo... – che chi ha vissuto il Campeggio ricorderà di sicuro, con un pizzico di nostalgia.

Il questionario è stato pensato ufficialmente in autunno, con la collaborazione e i contributi dei servizi sociali, dell’Ulss 2, dei medici di medicina generale, per capire come vivono gli ultrasessantacinquenni residenti nel Comune di Villorba e quali siano le loro esigenze in termini di assistenza, aiuto, supporto.

Ha dello straordinario l’iniziativa intrapresa dalla Bonaventura Express di Badoere che lo scorso anno, in vista del 60° di fondazione, dopo il rovinoso passaggio della tempesta Vaia, ha avviato il progetto benefico “Aiutiamo Rocca Pietore”.

Settanta biciclette ai bambini in affido familiare, perché come diceva Einstein “la vita è proprio come andare in bicicletta, per mantenere l’equilibrio è necessario continuare a muoversi”. Le hanno donate Sergio e Marco Argentin di Cicli Argentin, tramite il partner Giant, consegnandole al Centro affidi dell’Ulss 2 della Castellana la scorsa settimana, grazie alla mediazione del Comune di Castelfranco.

Un mese in Africa con il Cuamm. Giuseppe Mardegan, già medico di famiglia e già sindaco di Paese, in quiescenza da circa un anno, è stato recentemente per un mese in Tanzania, da volontario sanitario in un ospedale, a Tosamaganga, in un altopiano a 1.500 metri d’altitudine. Tanto è bastato per programmare la ripartenza.

Una convenzione è stata firmata con la parrocchia di Fontane perché possa ospitare negli spazi adeguati, ogni mercoledì dalle 9.00 alle 12:00, il Centro di sollievo che diventerà punto di riferimento per le esigenze delle famiglie di Carità e Povegliano.

L’occasione è stata offerta dall’ormai tradizionale festa di San Martino, ricorrenza che ogni anno riunisce gli scout Fse e Agesci, a partire dal 2007, anno nel quale l’Amministrazione comunale ha deciso di conferire a tali associazioni il premio San Martino, onorificenza destinata ad associazioni o a privati cittadini la cui opera sia ritenuta particolarmente meritoria in ambito sociale.

La scuola primaria di Postioma celebra, con una mostra multimediale, i 25 anni, un quarto di secolo, di rapporti con la primary school di Kithaga, un villaggio nella savana del Kenya. La mostra è ospitata nella meravigliosa chiesa del ‘700, grazie alla disponibilità della parrocchia, e racconta con fotografie, oggetti, grafici, filmati e le ricostruzioni delle due scuole, le varie tappe di questo gemellaggio.

Domenica 20 ottobre, nella chiesa di San Giorgio a Quinto, si è celebrata una messa di ringraziamento per i 100 anni di presenza delle religiose nelle comunità di Quinto, Santa Cristina e nella località di San Cassiano. Molte le suore presenti per festeggiare le consorelle, soprattutto i cinquant’anni di professione religiosa di suor Loredana Pegoraro, suor Florisa Capuzzo, suor Rosa Bravi.

Domenica scorsa l'inaugurazione con i fedeli nel corso di una preghiera presieduta da don Fabio Baracco. L'opera di estende su di un'area di 250 metri quadri, e le stazioni della Passione sono quindici, cioè una in più, perché presente anche la Resurrezione. Ogni stazione sarà una nicchia sorretta da piedistalli di supporto, opera dell'artista Elena Ortica.

All'appuntamento si susseguiranno degustazioni e seminari relativi al territorio veneto e a quello umbro-marchigiano, più precisamente il 13 settembre, alle ore 20, quando ci sarà quello che può essere definito un vero e proprio "incontro" tra i formaggi della tradizione veneta e quelli della tradizione umbro-marchigiana.

Nei sabati di luglio Oasi Cervara si rivela di notte: tre serate di apertura continuata fino a notte inoltrata (fino alle 23, a partire dallo scorso 6 luglio), per scoprire la natura di questa piccola e preservata riserva lungo il corso del Sile.

I Consigli comunali di Villorba E Ponzano Veneto hanno approvato rispettivamente nelle sedute del 1° e 8 aprile la Convenzione con i comuni di Breda di Piave, Carbonera, Maserada sul Piave, Ponzano Veneto e Povegliano, che porterà alla progettazione e gestione associata e coordinata del sistema locale dei servizi sociali.

Apre oggi a Paderno di Ponzano Veneto la prima Biblioteca Robot, con lo scopo di creare per gli alunni della biblioteca della scuola di Paderno uno spazio inclusivo dedicato alla lettura. La struttura si è arricchita negli anni scolastici 2017/18 e 2018/19 di moltissimi libri ad alta leggibilità e a tema interculturale.

La mole dei lavori è stata considerevole, a fronte di un impegno di 2,5 milioni di euro. Molti spazi sono stati ridisegnati, altri progettati ex novo rispetto alla struttura esistente, in modo da accogliere (a lavori ultimati e dunque tra maggio e giugno) 88 posti letto, anziché i 53 attuali. Anche gli spazi funzionali sono quasi raddoppiati, da 2.500 a 4.030 mq.

Il papà ha una vecchia passione, un hobby che coltiva in una dependance di casa: lavora il legno, da cui ricava giocattoli di una tale bellezza e appeal da lasciare stupefatti. Sembrano usciti da macchine di alta precisione e invece sono il frutto della sua manualità e fantasia.