martedì, 16 aprile 2024
Meteo - Tutiempo.net

Torreselle: 250 anni fa la dedicazione della chiesa

L’edificio, progettato dal famoso architetto Giorgio Massari, fu intitolato nel 1773 ai santi apostoli Giuda
e Taddeo. Nella ricorrenza una partecipata celebrazione, presieduta dal vicario generale, mons. Motterlini

Domenica 29 ottobre, con la messa solenne, hanno raggiunto il culmine i festeggiamenti della parrocchia in onore dei santi apostoli Simone e Giuda Taddeo, patroni di Torreselle, il cui dies natalis è il giorno 28 ottobre nel calendario del Martiriologio romano. La messa è stata presieduta dal vicario generale, mons. Mauro Motterlini, e concelebrata dal parroco di Torreselle e Levada, don Tiziano Galante, e dagli ex parroci di Torreselle don Davide Schiavon ( pochi giorni prima della sua prematura scomparsa) e don Luigi Mattiazzi, e da don Benedict Mariampillai Gnanaratnam, collaboratore pastorale.

Quest’anno, il festeggiamento è stato particolarmente sentito, perché corrisponde ai 250 anni dalla dedicazione ai santi patroni dell’attuale edificio della chiesa parrocchiale, avvenuta nel 1773. La chiesa di Torreselle è stata edificata su progetto del famoso architetto Giorgio Massari. La costruzione si è svolta nel corso di diversi anni, nella seconda metà del XVIII secolo. Bisogna ricordare che la comunità di Torreselle, in quel periodo, contava appena 500 persone compresi i bambini, questo esiguo numero ci fa ben comprendere la forza della fede di questi nostri padri e la loro determinazione.

L’imponenza dell’edificio, le splendide ed elaborate decorazioni, le opere pittoriche di pregio in esso contenute, acquisite nel corso di due secoli, sono segno visibile e materiale della fede della comunità cristiana locale e dell’impegno dei pastori. Essa non è solo un edificio, ma è un segno materiale visibile dell’amore tra la comunità e Dio. Recentemente l’edificio è stato ampiamente restaurato e impreziosito, sia all’interno, durante il mandato di don Orfeo Bosello che all’esterno, riportandolo ai colori originari, con l’attuale parroco don Tiziano Galante. I 250 anni non si vedono e questo testimonia una comunità cristiana locale viva.

Mons. Motterlini, nell’omelia, ha ricordato il comandamento dell’amore che “è il fulcro della morale cristiana, nelle sue due declinazioni: l’amore verso Dio e per il prossimo. Gesù unisce la preghiera ebraica presente nel Deuteronomio sull’amore per Dio con l’altra preghiera sull’amore per il prossimo presente nel Levitico. La chiesa non è certamente l’edificio, ma è il vero tempio che è corpo di Cristo Risorto, formato dai battezzati e cresimati, questo corpo è espressione di quest’unico amore che viene da Dio e che abbraccia gli uomini”. Amare Dio e il prossimo è la sintesi del messaggio evangelico e in questi territori è stato testimoniato da ben più di 250 anni, con la scelta, impegnativa, della dedicazione ai santi Simone e Giuda Taddeo apostoli.

Nel passato i cristiani che risiedevano in questa comunità hanno espresso l’amore per il prossimo, attraverso le scuole e confraternite (Santissimo Sacramento e Beata Vergine) orientate all’assistenza pubblica, oggi al loro posto vi sono i gruppi parrocchiali e diocesani che continuano a testimoniare Cristo; essi sono una ricchezza non scontata che va costantemente coltivata per rispondere alle sfide e alle paure proprie di ogni tempo. In un incontro del 19 ottobre con la comunità parrocchiale, il vescovo Michele Tomasi, rispondendo a queste paure, ha spronato i partecipanti a non essere nostalgici del passato, ma discepoli del Gesù vivente. Lavorando insieme, con l’aiuto di Dio, certamente si supereranno le sfide di questi tempi. (Michele Martinato)

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio