domenica, 14 aprile 2024
Meteo - Tutiempo.net

Famiglie, uno sportello online
per il Veneto Orientale

E’ stato recentemente presentato nel municipio di San Donà di Piave il nuovo sportello online di supporto alle famiglie del Veneto Orientale denominato “sportellofamigliavenetoorientale.it”. Il progetto, realizzato dalla cooperativa “Jonathan” di Piazzola sul Brenta, con l’obiettivo di mettere in rete informazioni utili e di aiuto alle famiglie del territorio, è stato promosso dai Comuni di San Donà di Piave, Noventa di Piave, Ceggia, Musile di Piave, Fossalta di Piave, Jesolo, Torre di Mosto e Meolo. Il servizio andrà, però, integrato con quelli esistenti
16/02/2024

E’ stato recentemente presentato nel municipio di San Donà di Piave il nuovo sportello online di supporto alle famiglie del Veneto Orientale denominato “sportellofamigliavenetoorientale.it”. Il progetto, realizzato dalla cooperativa “Jonathan” di Piazzola sul Brenta, con l’obiettivo di mettere in rete informazioni utili e di aiuto alle famiglie del territorio, è stato promosso dai Comuni di San Donà di Piave, Noventa di Piave, Ceggia, Musile di Piave, Fossalta di Piave, Jesolo, Torre di Mosto e Meolo.

Come sottolinea l’assessora ai Servizi sociali di San Donà di Piave, Federica Marcuzzo, “l’obiettivo dello sportello facilita le risposte ai bisogni familiari. Il vantaggio è che lo stesso portale contiene le informazioni riguardanti più Comuni della zona, ed è collegato con altri enti, quali Inps e Ulss 4”.

Le fa eco la direttrice dei Servizi sociali dell’Ulss 4, Paola Paludetti, che sottolinea l’importanza di creare reti condividendo servizi e informazioni: “Questo nuovo servizio offre una serie di informazioni che altri sportelli già forniscono. Vale la pena fare una riflessione insieme per condividere anche altri contenuti. E’ encomiabile che Comuni e Azienda sanitaria possano lavorare insieme a sostegno della famiglia”.

Sono, infatti, numerosi i servizi che il progetto offre in questa fase iniziale: una sezione importante del sito è dedicata ai servizi “prima e dopo la nascita”, che prevede l’indicazione dei consultori familiari, il sostegno economico alla maternità e corsi di accompagnamento alla nascita. Si possono, poi, trovare le indicazioni per i sostegni erogati da Comuni, Regione e agevolazioni Inps, oppure l’esenzione dal ticket per gravidanza, ma anche il registro comunale delle baby-sitter, agevolazioni e congedi per genitori con figli con disabilità grave e i diritti delle gestanti, in caso di problemi di salute.

Abbiamo rivolto alcune domande a due realtà del territorio che offrono sostegno alle famiglie in difficoltà del sandonatese, quali il Centro aiuto allavita di via Pralungo e l’Emporio solidale di via Molina, per capire come sono evolute le esigenze delle famiglie del territorio. “Al centro aiuto alla vita aiutiamo attualmente 23 madri entro il primo anno di vita dei piccoli e offriamo loro tutti gli accessori necessari alla vita dei neonati, come i pannolini” - racconta Ombretta Belgini, responsabile del centro -. Il nostro servizio offre assistenza alle madri in difficoltà, svolgendo con loro un’opera minima di integrazione: alcune di questi, infatti, parlano a stento la lingua italiana”. Gabriella Mauro, responsabile dell’emporio sociale della città, nota invece che “grazie all’assegno unico, nel corso del 2023 si è registrato un calo di accessi, in particolare delle famiglie numerose. Notiamo allo stesso tempo un aumento degli italiani over 50 soli, che si rivolgono a noi, soprattutto a causa del caro-vita e dell’affitto da pagare. A oggi la più grande emergenza sul territorio è proprio quella abitativa: sempre più persone faticano a pagare l’affitto. Per questo, servirebbe la presenza di una casa che offra ospitalità temporanea proprio a queste persone. E’ lodevole l’istituzione del nuovo sportello famiglia online, ma è necessario farlo conoscere a chi necessita di questo servizio”. Ricordiamo, inoltre, che prosegue inoltre l’esperienza dello sportello in presenza dedicato alle famiglie dei Comuni di San Donà di Piave, Musile, Noventa e Fossalta, gestito dalla cooperativa “Il Portico”, che sta registrando un progressivo aumento di richieste da parte di famiglie: se nel 2021 erano state 297, nel 2023 sono arrivate a 343.

SEGUICI
EDITORIALI
archivio notizie
25/01/2024

Per questo, più volte (anche l’8 gennaio scorso al Corpo diplomatico accreditato presso la s. Sede),...

11/01/2024

La morte di don Edy ha sconvolto tutti, sia noi sacerdoti che i laici e le comunità cristiane che egli...

TREVISO
il territorio